UniversONline.it

Alimentazione e dieta in gravidanza - Tutti dovrebbero sempre avere un'alimentazione equilibrata, in alcune fasi della vita essa ricopre però un ruolo ancor più cruciale, basti pensare alla dieta in gravidanza importante non solo per la mamma ma anche per il bambino

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Alimentazione e dieta in gravidanza

Tutti dovrebbero sempre avere un'alimentazione equilibrata, in alcune fasi della vita essa ricopre però un ruolo ancor più cruciale, basti pensare alla dieta in gravidanza importante non solo per la mamma ma anche per il bambino. Un regime alimentare appropriato è infatti fondamentale sia per la salute della gestante, permette ad esempio di prevenire il diabete gestazionale, sia per il corretto accrescimento del piccolo e la prevenzione di possibili malformazioni.

Il tipo di alimentazione che devono seguire le gestanti non differisce più di tanto da quella che si dovrebbe seguire in altri periodi, la differenza maggiore è legata principalmente all'aumento del fabbisogno energetico giornaliero: circa 200 calorie in più al giorno pari a un incremento del 10 per cento del fabbisogno della donna. Bisogna quindi stare attenti a non esagerare perché sebbene esiste il detto che in gravidanza bisogna mangiare per due, al termine delle 40 settimane di gestazione il peso non deve essere aumentato oltre i 9-12 kg (un incremento di circa 2 Kg nel primo trimestre e circa 350-400 gr, a settimana, nel periodo successivo). In gravidanza non bisogna quindi mangiare per due ma due volte meglio.

Le indicazioni che stiamo per dare andrebbero seguite già dal periodo pre-concezionale, quando si sta quindi pianificando la gravidanza, fino a tutto il periodo in cui il bambino verrà allattato al seno. Durante la gravidanza bisogna porre particolare attenzione all'apporto di acido folico , vitamina D, calcio, proteine, fosforo, ecc., sostanze che la donna può assumere attraverso una dieta variegata dove sono presenti alimenti quali: carne, legumi, uova, cereali e derivati, latte e latticini, olio d'oliva, frutta e verdura.

Durante la dieta in gravidanza bisogna porre particolare attenzione all'uso del sale, è opportuno ridurre l'apporto di sodio (il classico sale da tavola) in quanto favorisce la ritenzione dei liquidi e favorisce l'ipertensione con possibili conseguenze sul cuore (aumento del carico di lavoro). Bisogna poi stare attente al consumo di carne e pesce crudo (carpaccio e sushi), o poco cotti, di insaccati e affettati, per evitare il rischio di toxoplasmosi (un'infezione che, nelle donne non immuni, può provocare gravi danni al bambino).

Quali alimenti non devono mancare nella dieta in gravidanza?

Latte e suoi derivati: il latte e i latticini (quali formaggi, yogurt, ecc.) sono molto importanti nell'alimentazione della gestante, essi sono una buona fonte di vitamina D, calcio e fosforo, sostanze utili per lo sviluppo del bambino. Tali alimenti sono inoltre utili dopo il parto durante il periodo dell'allattamento.

Proteine: non solo carne e pesce ma anche legumi, cereali, uova e formaggi. Quando si parla di proteine il primo pensiero va sempre alla carne e al pesce, è però importante integrare nella dieta tutti i tipi di proteine per garantire un corretto sviluppo fetale. L'organismo non è in grado di produrre da se gli amminoacidi essenziali in un quantitativo adeguato, per questo motivo devono essere introdotti attraverso l'alimentazione. Come accennato precedentemente, le donne che non hanno mai contratto la toxoplasmosi devono stare attente alla carne cruda (o poco cotta), al pesce crudo, agli insaccati e ai salumi. La contaminazione può avvenire anche se si taglia un formaggio con lo stesso coltello utilizzato per tagliare un prosciutto "infetto", attenzione inoltre a frutta e verdura non lavate adeguatamente.

Carboidrati: durante le settimane di gestazione i carboidrati sono un'importante fonte di energia sia per la mamma che per il bambino, bisogna però stare attenti a preferire quelli complessi (contenuti in alimenti quali pasta e pane) a quelli semplici (presenti nei dolci e nelle bevande zuccherate). I dolci sono da evitare, o ridurre comunque al minimo, perché gli zuccheri contenuti in essi vengono metabolizzati velocemente e determinano dei picchi glicemici a volte non controbilanciati adeguatamente dall'organismo della gestante, una situazione che potrebbe favorire il l'insorgenza del diabete gravidico (noto anche come diabete gestazionale).

Oltre a queste sostanze non devono mancare ovviamente frutta e verdura, non solo per le vitamine e i nutrienti ma anche per le fibre che possono aiutare per la stipsi (un evento tutt'altro che raro in gravidanza). Ulteriori consigli sull'alimentazione potete trovarli nelle seguenti schede tematiche:

Caffè e caffeina in gravidanza - Molte donne in dolce attesa si chiedono se si può bere il caffè in gravidanza, un interrogativo lecito visto che c'è in gioco la salute di una nuova vita.

Integratori in gravidanza e vitamine - Le vitamine e i minerali sono molto importanti per la salute di ciascuno, nel periodo della gestazione sono però fondamentali anche per il corretto sviluppo del bambino.

Cosa non bere in gravidanza - Molte gestanti si chiedono cosa bere in gravidanza, in alcuni casi si cerca un rimedio per far passare la nausea o che aiuti a digerire, altre volte si ha solo un desiderio di qualcosa di frizzante come coca cola, fanta o gassosa.

Per sapere quali cibi sono da evitare nei 9 mesi di gestazione vi rimandiamo alla lettura dell'articolo Cibi da evitare in gravidanza.

Di seguito riportiamo una serie di pubblicazioni scientifiche che hanno esaminato diversi aspetti relativi alla dieta durante il periodo della gestazione.

Approfondimenti e Pubblicazioni Scientifiche relative all'Alimentazione e la dieta in gravidanza

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook