UniversONline.it

Alcol in gravidanza, birra e vino fanno sempre male - Anche un solo bicchiere di birra in gravidanza, se consumato abitualmente, può comportare dei rischi per il nascituro

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Alcol in gravidanza, birra e vino fanno sempre male

Vino e birra in gravidanza fanno sempre male

Anche un solo bicchiere di birra in gravidanza, se consumato abitualmente, può comportare dei rischi per il nascituro. Tutt'oggi alcuni specialisti tendono a non sconsigliare l'assunzione di un bicchiere di vino al giorno durante il periodo di gestazione, un recente studio evidenzia però che anche piccolissime dosi di alcol possono nascondere delle insidie. Attenzione quindi anche a eventuali drink alcolici che si potrebbero assumere periodicamente durante il fine settimana. I nuovi dati sono frutto di un'indagine condotta da Simona Pichini, ricercatrice presso l'Istituto superiore di sanità. La ricerca con le nuove indicazioni relative all'assunzione di alcolici in gravidanza sarà pubblicata nelle prossime settimane sulla rivista Clinical Chemistry and Laboratory Medicine.

L'indagine, condotta su 84 neomamme (e i rispettivi neonati) che hanno partorito all'Hospital del mar di Barcellona, evidenzia che anche basse dosi di alcol assunte durante tutto il periodo della gravidanza sono rilevabili sia nel capello materno che nelle meconio (le prime feci del neonato). Anche un solo bicchiere di vino al giorno in gravidanza è quindi sconsigliato, lo stesso vale per la birra e qualsiasi altra bevanda alcolica.

I dati del nuovo studio sono stati esposti in occasione della Giornata mondiale sulla sindrome feto-alcolica, un evento che dal 1999 si svolge sempre il 9° giorno del 9° mese, dalle 9.09 del mattino alle 9.09 di sera. Per l'edizione del 2015, battezzata "Too Young To Drink" (troppo piccolo per bere), è stato preparato anche un pieghevole informativo (Alcol e gravidanza: sei sicura?) e un poster (Una vita che nasce teme l'alcol).

Anche poco alcol, se assunto con regolarità, può quindi avere degli effetti sul feto. Il rischio è quello della FASD (Fetal alcohol spectrum disorders), una serie di possibili danni causati dall'esposizione prenatale all'alcol che possono provocare malformazioni alla nascita, disturbi dell'apprendimento, del comportamento e disturbi mentali. L'unico modo per prevenire i FASD è quello di evitare l'alcol in gravidanza.

Per guidare le donne in dolce attesa verso una gravidanza consapevole, dal punto di vista dell'assunzione degli alcolici, l'Istituto Superiore di Sanità ha stilato il seguente decalogo:

  1. Bisogna sempre ricordarsi che il consumo di alcolici (birra, vino, cocktail, ecc.) in gravidanza aumenta il rischio di danni alla salute del bambino.

  2. Durante l'intero periodo della gestazione, dalle prime settimane fino alle ultime, non esiste una quantità di alcol ritenuta sicura e priva di rischi per il bambino.

  3. Qualsiasi bevanda alcolica, senza differenze di tipo o gradazione, nuoce al feto.

  4. Non bisogna mai dimenticarsi che l'alcol, una sostanza non essenziale e tossica per l'organismo, è in grado di passare la placenta raggiungendo il feto con le stesse concentrazioni di quelle della madre.

  5. Il feto, come i bambini, non è in grado di metabolizzare l'alcol, di conseguenza la sostanza tossica va a danneggiare direttamente le cellule cerebrali e i tessuti degli organi in formazione.

  6. Sebbene sia sempre sconsigliato, particolare attenzione va fatta nelle prime settimane di gestazione quando una donna potrebbe non sapere di essere incinta. Se quindi si sta provando a concepire bisogna prestare particolare attenzione. L'alcol nuoce al feto soprattutto durante le prime settimane e nell'ultimo trimestre di gravidanza.

  7. E' quindi opportuno astenersi dall'assunzione di alcolici dalla pianificazione della gravidanza fino al parto.

  8. Anche dopo la nascita del bambino, se si allatta, è importante continuare ad astenersi dall'assunzione di bevande alcoliche.

  9. Eventuali danni causati dall'esposizione prenatale dall'alcol sono irreversibili e non curabili, un motivo in più per evitare le bevande alcoliche durante la gestazione.

  10. L'unico modo per prevenire la sindrome feto-alcolica (Fetal Alcohol Syndrome-FAS), la più grave disabilità permanente che si manifesta nel feto esposto all'alcol consumato dalla madre durante la gravidanza, è quello di evitare il consumo di bevande alcoliche durante le 40 settimane di gestazione.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook