UniversONline.it

Caffè in gravidanza e bambini sottopeso alla nascita - Quanti caffè si possono bere in gravidanza? La salute del neonato dipende molto dall'alimentazione della madre durante la gravidanza, secondo un recente...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Caffè in gravidanza e bambini sottopeso alla nascita

Caffè in gravidanza e bambini sottopeso alla nascita

Quanti caffè si possono bere in gravidanza? La salute del neonato dipende molto dall'alimentazione della madre durante la gravidanza, secondo un recente studio superare i due caffè al giorno potrebbe essere una delle cause dei bambini sottopeso alla nascita. Stando a quanto scoperto in una ricerca del Norwegian Institute for Public Health, l'assunzione giornaliera di caffeina in gravidanza (è bene ricordare che la caffeina non si trova solo nel caffè ma, in quantitativi più o meno elevati, è presente anche nella coca cola, nel cioccolato, nel guaranà, nel tè, in determinate bevande energizzanti, ecc.) non solo è collegata ad un minor peso del neonato alla nascita ma anche ad un periodo di gestazione più lungo. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista BMC Medicine (Maternal caffeine intake during pregnancy is associated with birth weight but not with gestational length: results from a large prospective observational cohort study - doi: 10 1186 / 1741-7015-11-42 - Febbraio 2013).

Verena Sengpiel, prima ricercatrice, spiega che i risultati dello studio sono frutto di un'indagine che ha coinvolto 59.123 donne, che hanno portato avanti una gravidanza priva di complicazioni, e i rispettivi figli fino all'età di 10 anni. L'esperta evidenzia che un bambino sottopeso alla nascita ha più probabilità di avere problemi di salute sia a breve termine che a lungo termine. Per questo motivo è importante, quando possibile, prevenire le possibili cause che potrebbero limitare il peso del neonato alla nascita.

Come avviene per i nutrienti e l'ossigeno, anche la caffeina passa la barriera della placenta e arriva al feto. In questa fase dello sviluppo il piccolo non è però ancora in grado di metabolizza la caffeina; di conseguenza, se la madre assume elevati quantitativi di questa sostanza, ci potrebbero essere delle conseguenze per la sua salute.

Dall'analisi dei dati si è scoperto che, mediamente, pesavano di meno i neonati partoriti dalle madri che assumevano più alimenti dove la caffeina era presente. Per ogni 100 mg giornalieri di caffeina assunta il peso alla nascita era ridotto mediamente tra i 21 e i 28 grammi. Le gestanti che arrivavano ad assumere tra i 200 e i 300 mg di caffeina al giorno avevano il triplo delle possibilità di partorire un bambino sottopeso alla nascita. I ricercatori hanno inoltre rilevato che la caffeina incideva anche sulla durata della gravidanza. Il periodo della gestazione aumentava di 5 ore per ogni 100 mg di caffeina assunta giornalmente, il periodo aumentava ulteriormente in quei casi dove la sostanza veniva assunta con il caffè, in questo caso l'incremento medio registrato è stato di 8 ore per ogni 100 mg.

Questa non è la prima volta che le gestanti vengono messe in guardia nei confronti di un'eccessiva assunzione di caffeina, i quantitativi potenzialmente dannosi per la salute sono all'incirca gli stessi: più di 200 mg al giorno. Superare i 200mg di caffeina al giorno, oltre ad aumentare il rischio di partorire bambini sottopeso alla nascita, incrementa anche il rischio di aborto spontaneo, è quindi importante stare sotto i quantitativi raccomandati. Ma quanta caffeina è contenuta in una tazzina di caffè? La caffeina di una tazzina di caffè (35-50 ml) può variare dai 50 ai 120mg, il quantitativo dipende dalla miscela del caffè e dal metodo di preparazione del caffè stesso. In caso di caffè americano (100 ml), la tazza è più grande ma la concentrazione è minore, la caffeina può variare dai 97 ai 125mg.

Per completare il quadro dei quantitativi di caffeina contenuti in altre bevande e alimenti che si potrebbero assumere durante la gravidanza vi riportiamo i seguenti dati: una bustina di tè contiene 40 mg di caffeina, se si tratta di tè verde il quantitativo scende a 30 mg, 50 g di cioccolato al latte contengono circa 8 mg di caffeina, 50 g di cioccolato fondente contengono invece 40 mg di caffeina, in una lattina di coca cola ci sono circa 40 mg di caffeina, ecc. bisogna poi fare attenzione se si mangiano dei dolci tipo il tiramisù dove oltre alla caffeina contenuta nel caffè c'è quella presente nel cacao. Se quindi si bevono mediamente 2 caffè al giorno, bisogna stare attenti agli altri alimenti che contengono la caffeina in quanto si potrebbe superare il limite senza accorgersene.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook