UniversONline.it

Caffè in gravidanza e QI nascituro - Durante il periodo della gestazione le future mamme iniziano a porsi numerose domande, per esempio molte si chiedono se bere caffè in gravidanza possa essere...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Caffè in gravidanza e QI nascituro

QI nascituro e caffè in gravidanza

Durante il periodo della gestazione le future mamme iniziano a porsi numerose domande, per esempio molte si chiedono se bere caffè in gravidanza possa essere sicuro per il nascituro. Uno studio condotto da Sarah A. Keim e Mark A. Klebanoff, ricercatori presso il Research Institute at Nationwide Children's Hospital di Columbus (Usa), dimostra che un'assunzione moderata di caffè (1 o 2 tazzine di caffè al giorno) non aumenta il rischio per il QI del bambino ne contribuisce ad aumentare i problemi comportamentali. I dati della ricerca sono stati pubblicati sull'American Journal of Epidemiology (Maternal Caffeine Intake During Pregnancy and Child Cognition and Behavior at 4 and 7 Years of Age - doi: 10 1093 /aje / kwv136 - Novembre 2015).

In alcuni studi era stato ipotizzato che l'assunzione di caffè in gravidanza potesse influire sullo sviluppo cerebrale del bambino, dai dati raccolti in un'indagine condotta su 2.197 donne in attesa di un bimbo, che hanno preso parte al Collaborative Perinatal Project (uno studio statunitense condotto tra il 1959 e il 1974), emerge però che un consumo moderato della bevanda non incide ne sulle capacità cognitive ne sul comportamento. L'intervallo di tempo non è stato scelto a caso, in quel periodo il consumo di caffè durante la gravidanza era più diffuso di quanto lo sia oggi perché c'era ancora poca preoccupazione per quanto riguarda la sicurezza della caffeina.

I ricercatori si sono concentrati in particolar modo sugli effetti ella paraxantina, una sostanza chimica prodotta durante il metabolismo della caffeina. Nello specifico sono stati esaminati i valori relativi al periodo che va dalla 20° alla 26° settimana di gestazione e si è cercato un possibile legame tra il metabolita della caffeina, il quoziente d'intelligenza e il comportamento dei bambini. I livelli di paraxantina rilevati durante la gravidanza sono stati messi in relazione con le capacità cognitive e la condotta dei bimbi esaminate nel corso di incontri condotti quando i piccoli avevano 4 e 7 anni.

Dall'analisi dei dati non è emerso nessun un legame evidente tra l'assunzione di bevande a base di caffeina durante a gravidanza e lo sviluppo intellettivo e comportamentale del bambino. Diversi studi hanno invece evidenziato che per lo sviluppo cerebrale del bambino è molto importante che la mamma integri nella propria dieta alimenti ricchi di iodio come ad esempio i pesci. Per quanto riguarda l'assunzione di caffè, meglio invece limitarsi a 1 tazzina di espresso al giorno, due tazzine potrebbero non incidere sullo sviluppo cerebrale ma altri studi hanno dimostrato che possono incrementare il rischio di aborto spontaneo.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook