UniversONline.it

Mangiare alimenti che contengono omega 3 rende più intelligenti ? - Salute: Sembrerebbe che integrare nella propria dieta i grassi omega 3, contenuti in alimenti come il pesce, possa aiutare i bambini a crescere più intelligenti

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Mangiare alimenti che contengono omega 3 rende più intelligenti ?

Mangiare alimenti che contengono omega 3

Integrare nella dieta alimenti con grassi Omega 3, contenuti per esempio nei pesci, può aiutare i bambini a crescere più intelligenti. Lo studio che ha analizzato questo legame è stato condotto da uno staff coordinato da Joseph Hibbeln presso il National Institutes of Health.

La ricerca non si è limitata nell'analizzare i possibili benefici che può portare l'integrazione dei grassi omega 3 nella dieta, ha anche esaminato le possibili ripercussioni nel caso in cui le dosi fossero molto basse se non addirittura inesistenti. Se infatti un integrazione equilibrata sembra portare dei benefici, una carenza di questi oli importanti nel periodo di gravidanza delle donne sembra possa abbassare il quoziente intellettivo (QI) del futuro nascituro e non solo, ci potrebbero essere anche delle ripercussioni sulle attività motorie e la capacità di coordinazione tra mano e occhio.

Lo studio che ha coinvolto un totale di 9000 mamme con relativi bambini ha analizzando la relazione fra il consumo di omega 3 materno e le caratteristiche psichiche, fisiche e di socializzazione del figlio. I risultati sono stati presentati lo scorso 17 gennaio 2006, a Londra, durante un meeting dell'Institute of Brain Chemistry and Human Nutrition.

Dall'analisi è emerso che le mamme con un alimentazione povera di omega 3 nel periodo della gravidanza, avevano maggiori probabilità di partorire bimbi con un QI più basso mediamente di sei punti rispetto a quello dei coetanei. Al contrario, nelle situazioni in cui le diete delle mamme erano ricche di omega 3, i bimbi oltre ad avere un QI più alto, già a tre anni presentavano un livello di coordinazione motoria superiore rispetto agli altri bambini.

Un'analisi a lungo termine ha anche evidenziato che il 14 percento dei diciassettenni le cui mamme nel periodo della gravidanza hanno avuto un basso apporto di omega 3, mostrano maggiori difficoltà nella socializzazione.

Ma perché gli omega 3 hanno questi benefici sul cervello ? gli esperti spiegano che il 60 per cento del sistema nervoso è costituito da grassi e che il nostro organismo non è in grado di produrre autonomamente omega 3, per questo motivo assumere particolari cibi nell'età di sviluppo, ma anche dalla madre nel periodo della gravidanza, è particolarmente importante.

Il consiglio che viene dato è quello di mangiare almeno due volte a settimana una porzione di pesce in grado di fornire il giusto apporto di omega 3, i pesci più indicati sono: le trote, le sardine, gli sgombri e il salmone. Nel caso in cui si fosse vegetariani una valida alternativa può essere data dai semi di zucca e di lino, il giusto apporto per essere equiparato al quantitativo assunto con il pesce deve essere di almeno due cucchiai da tavola al giorno.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook