UniversONline.it

Farmaco: Ranitidina Hex | Bugiardino n. 10713 - Foglietto illustrativo n. 10713 - Farmaco Ranitidina Hex: ricetta, principio attivo, prezzo, effetti e dosaggio [Confezione: 50 mg / 5 ml 10 Fiale ]

Continua
Universonline su Facebook

Cerca un farmaco »  

Farmaco: Ranitidina Hex

Farmaco: Ranitidina Hex | Bugiardino n. 10713

Confezione: 50 mg / 5 ml 10 Fiale

Casa farmaceutica: Hexal S.p.A.

Classe farmaceutica: A

Ricetta Ranitidina Hex: RR - medicinale soggetto a prescrizione medica

ATC: A02BA02

Principio attivo Ranitidina Hex: Ranitidina cloridrato (FU)

Gruppo terapeutico: Antiulcera

Scadenza Ranitidina Hex: 36 mesi

Temperatura di conservazione: n.d.

Indicazioni terapeutiche / effetti Ranitidina Hex (50 mg / 5 ml 10 Fiale )

Attacchi acuti e riacutizzazioni di: ulcera duodenale; ulcera gastrica benigna; ulcera recidivante; ulcera post-operatoria; esofagite da reflusso; sindrome di Zollinger-Ellison.

Posologia / dosaggio Ranitidina Hex (50 mg / 5 ml 10 Fiale )

Somministrare, sotto stretta sorveglianza medica, solo a pazienti in preda ad attacchi acuti di ulcere particolarmente severe o se non è praticabile la terapia orale. Il trattamento è limitato a brevi periodi e può essere proseguito con Ranitidina Hexal preparazioni orali. La ranitidina può essere somministrata per via parenterale sia sotto forma di iniezione ev di 50 mg ripetibile ogni 6-8 ore, sia mediante infusione ev intermittente. In tal caso la dose normale è di 25 mg/ora per 2 ore e può essere ripetuta ad intervalli di 6-8 ore. Per la somministrazione mediante iniezione ev diluire una fiala da 50 mg in soluzione fisiologica o in altra soluzione ev compatibile a un volume di 20 ml e iniettare in un periodo di tempo non inferiore ai 5 minuti. Profilassi dell’emorragia da ulcera da stress in pazienti gravi o della emorragia ricorrente in pazienti affetti da ulcera peptica sanguinante: dose iniziale di 50 mg per via ev lenta seguita da infusione ev continua di 0,125-0,250 mg/Kg/ora; i pazienti in corso di terapia con Ranitidina Hexal per via parenterale considerati ancora a rischio, non appena riprende l’alimentazione per bocca, possono essere trattati con Ranitidina Hexal preparazioni orali 150 mg 2 volte die. Emorragie del tratto gastrointestinale superiore: il trattamento può essere iniziato con 1 fiala da 50 mg per via ev per 3 o 4 volte al giorno, seguito da terapia orale con 300 mg al giorno per il tempo necessario. Premedicazione in anestesia: ai pazienti che rischino di sviluppare una sindrome da aspirazione acida (sindrome di Mendelson) può essere somministrata 1 fiala da 50 mg per iniezione ev lenta, 45-60 minuti prima dell’induzione dell’anestesia generale. Può essere adottata anche la via di somministrazione orale. Ulcera da stress: nella prevenzione e trattamento in pazienti gravi il trattamento iniziale è di 50 mg per 3-4 volte al giorno per via ev seguito dalla terapia orale. La ranitidina è compatibile con le seguenti infusioni usate per infusione ev: sodio cloruro 0,9%, destrosio 5%, sodio cloruro 0,18% e destrosio 4%, sodio bicarbonato 4,2%, soluzione di Hartmann. La ranitidina non è compatibile con soluzioni contenenti fruttosio. Preparare la soluzione per infusione immediatamente prima dell’uso e utilizzare entro 24 ore. Non sterilizzare in autoclave.


Elenco farmaci: indice medicinali in ordine alfabetico



Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici sui Social Network

Universonline su Facebook