UniversONline.it

Dimagrire, più facile se si è pessimisti - Per dimagrire più facilmente bisognerebbe essere pessimisti, essere ottimisti è di aiuto in molte situazioni ma a quanto pare non aiuta a perdere peso

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Dimagrire, più facile se si è pessimisti

Dimagrire: più facile se si è pessimisti

Per dimagrire più facilmente bisognerebbe essere pessimisti, essere ottimisti è di aiuto in molte situazioni ma a quanto pare non aiuta a perdere peso. Secondo un gruppo di ricercatori giapponesi della Doshisha University di Kyoto, lo stato mentale delle persone potrebbe influire sulla perdita di peso. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista BioPsychoSocial Medicine (Settembre 2009).

La ricerca, coordinato da Hitomi Saito, ha tenuto sotto osservazione per un periodo di sei mesi 147 pazienti obesi. I partecipanti, seguiti presso il Kansai Medical University Hospital Obesity Clinic, sono stati sottoposti ad un programma di dimagrimento articolato in tre diverse attività: una serie di consulenze personalizzate, una dieta mirata e degli esercizi fisici. La fase di valutazione prevedeva anche una serie di questionari, compilati dai pazienti prima di iniziare il programma dimagrante e al termine dei sei mesi, utili per delineare un quadro preciso della loro personalità.

La conclusione è stata che le persone che risultavano essere più pessimiste prima di iniziare il programma di dimagrimento presentavano una probabilità maggiore di dimagrire rispetto a quelle che si erano dimostrate più ottimiste. Hitomi Saito spiega che i pazienti che avevano iniziato la dieta con un minor ottimismo e, grazie alle consulenze, modificavano il loro approccio verso il programma di dimagrimento, perdevano un peso maggiore rispetto alle altre persone.

Gli esperti spiegano che il passaggio dallo stato pessimistico iniziale a quello più ottimista non sempre era da attribuire a possibili risultati raggiunti, come ad esempio la perdita di peso, ma spesso era merito della maggiore consapevolezza che il paziente acquisiva attraverso le consulenze. A detta dei ricercatori la chiave di tutto risiederebbe proprio nell'approccio iniziale, il pessimismo iniziale porta i pazienti a prendere più seriamente la cura e di conseguenza gli porta ad avere dei risultati migliori rispetto agli ottimisti che seguono la terapia con meno attenzione.

Molti potrebbero pensare che nel momento in cui si passa dallo stato di pessimista ad ottimista si rischia di riacquistare i chili perduti, ma non è così. Gli esperti spiegano che la maggiore sicurezza raggiunta durante il programma di dimagrimento aiuta mantenere negli anni uno stile di vita sano utile a tenere sotto controllo il peso.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Articoli di medicina e salute correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook