UniversONline.it

Dove falliscono le diete - Salute: Dove falliscono le diete - Le diete non falliscono, sono le persone che falliscono con le diete. Seguire qualsiasi dieta che

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Dove falliscono le diete

le diete

Le diete non falliscono, sono le persone che falliscono con le diete. Seguire qualsiasi dieta che riduce il numero di calorie porta ad una perdita di peso. Il problema è sostentarsi con esse. Sfortunatamente molte diete sono destinate a fallire per i motivi che vedremo.

Diete troppo restrittive.

Molte diete tradizionali si basano su un concetto molto semplice: per perdere peso, bisonga mangiare di meno. Questo si traduce in un minore apporto di calorie durante i pasti. Per quanto questo sia vero, per una persona che deve perdere molto peso sarà  un arduo compito ridurre cosଠdrasticamente (anche duemila calorie) la quantità  di cibo solitamente assunta. Persino per quelle persone che devono perdere solamente pochi chili, ridurre la propria dieta giornaliera da 2200 o 2500 a 1200 calorie può risultare piuttosto traumatizzante per l'intero organismo. Un rapido sguardo alle riviste femminili ci mostra come questo tipo di dieta sia piuttosto praticata; ma spesso la quantità  di cibo consigliata è troppo poca, e include alimenti poco appetitosi, che non fanno altro che scoraggiare ancor più chi deve dimagrire.

Diete che richiedono un cambiamento radicale nei costumi alimentari.

Gli uomini sono una razza abitudinaria, e amano mangiare sempre le stesse cose. Gli obesi sono persone che mangiano troppo e troppo spesso del cibo sbagliato. Molte diete, per far si che questi varino la propria dieta, propongono spesso cibi esotici e difficili da reperire, o comunque spesso nauseanti. Spesso questo si traduce in stancanti ricerche e sprechi.

Diete con cibi difficili da mangiare.

Molte diete suggeriscono l'uso di alimenti freschi e cucinati in casa. Questo richiede una grossa perdita di tempo, sia nel fare la spesa che nel cucinare. Utilizzare cibi rapidi e facilmente conservabili è di sicuro più semplice e rapido. Lo svantaggio dei cibi rapidi è che non si può mai essere sicuri di cosa in effetti si stia mangiando. Ma il fatto di mangiare di meno e preparare strani nuovi piatti dai dubbi risultati culinari, può essere piuttosto scoraggiante. Insieme al tempo necessario per preparare i cibi, la difficoltà  a reperirli, l'impossibiltà  di mangiare con gli amici nel ristorante preferito, possono costituire un forte deterrente per i seguaci di questo tipo di dieta.

Diete quasi "punitive".

Le diete richiedono di diminuire la quantità  di cibo, rinunciare ai propri alimenti preferiti, imparare ad apprezzare quelli nuovi, dedicare più tempo alla cucina e alla ricerca dei prodotti. Tutti questi fattori possono far diventare la dieta, che dovrebbe essere un fattore di miglioramento della propria vita, una vera e propria punizione. Comunque le persone spesso iniziano la dieta con l'idea di perdere un certo numero di chili e quindi smettere. Proprio a causa di questo atteggimanto molte persone falliscono la propria dieta. I cambiamenti nelle abitudini alimentari devono essere mantenuti anche dopo la perdita dei chili in eccesso. Il ritorno alle vecchie abitudini alimentari porta di solito ad un ritorno dei chili in eccesso.

Diete ripetutamente fallite.

Ogni volta che una dieta viene fallita, e si ritorna ai vecchi usi alimentari, le possibilità  di successo delle diete successive diminuiscono. Chi si mette a dieta infatti perde pian piano la fiducia in questo tipo di soluzione.

Come vincere la battaglia?.

La risposta a tutti i problemi legati alle diete sembra essere: "mangia il cibo a cui sei abituato, ma mangiane meno". Piuttosto che andare incontro a sacrifici enormi, mangia ciò che ti piace, ma fallo con criterio e metodo. Una riduzione di 500 calorie al giorno permette di perdere quasi mezzo chilo in una settimana. Quando ti è mai capitato di perdere 25 chili in un anno? Questo tipo di approccio non solo permette di dimagrire, ma riduce anche l'assunzione di sodio, zucchero e cibi ipercalorici come la carne e i carboidrati. Quindi, piuttosto che cacciarsi in una "dieta", fate solo dei cambiamenti moderati. Evitate spuntini abbondanti e dessert, mangiate meno carne e cibi grassi. Aggiungete un po' d'insalata ogni giorno (sapete voi quale). Fate una passeggiata dopo cena. Fatelo sempre. Ma soprattutto, non fate mai eccezioni a queste regole. E non dovrete più dire "dieta".

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook