Anello anticoncezionale

L'anello anticoncezionale ha lo stesso meccanismo d'azione della pillola, ma, al contrario di essa, non interferisce sul peso corporeo. E' bene però precisare che questo vantaggio non vale sempre in quanto le pillole anticoncezionali di ultima generazione non fanno ingrassare. Rispetto alla pillola anticoncezionale ha però altri vantaggi: risente meno del rischio di dimenticanze o ritardi di assunzione, delle variazioni dell'assorbimento intestinale e permette inoltre di assumere dosaggi bassissimi pur mantenendo un buon controllo del ciclo.

L'anello contraccettivo ormonale vaginale offre un discreto controllo del ciclo mestruale, è semplice da usare e presenta una bassa incidenza di effetti collaterali come: tensione mammaria, mal di testa e nausea. E' un anello trasparente e flessibile fatto di materiale anallergico, atossico, biocompatibile (Etilene Vinilacetato- EVA) e va cambiato una volta al mese.

Sul mercato italiano è possibile trovare il NuvaRing, un anello anticoncezionale che contiene due ormoni simili a quelli contenuti nella pillola: etinilestradiolo (estrogeno) e etonogestrel (progestinico). A differenza della somministrazione orale, tramite pillola contraccettiva, l'anello rilascia dosaggi bassissimi e costanti dei due ormoni attraverso la mucosa vaginale, una via ideale per la somministrazione di terapie ormonali in ginecologia ed ostetricia.

Grazie all'anello, l'assorbimento degli ormoni è più rapido e, a differenza della somministrazione orale, si salta una fase di "primo passaggio epatico", un passaggio che può essere fonte di maggiori effetti collaterali, interazioni con farmaci e controindicazioni. Un altro vantaggio dato dalla modalità di assunzione degli ormoni riguarda l'efficacia contraccettiva, essa è infatti garantita anche in caso di vomito e diarrea, situazioni che invece ne compromettono l'efficacia in caso di assunzione per via orale.

Come si usa l'anello anticoncezionale?

A differenza di altri metodi anticoncezionali come ad esempio la spirale, l'anello anticoncezionale va inserito in vagina e rimosso direttamente dalla donna. Bisogna ricordarsi che la rimozione va effettuata lo stesso giorno della settimana in cui era stato inserito. Se per esempio l'anello contraccettivo viene inserito il venerdì intorno alle 21.00, bisogna ricordarsi di rimuoverlo intorno alle 21.00 del venerdì della terza settimana successiva, per facilitare il compito è bene prendere un appunto sul calendario o segnarsi un promemoria sul cellulare.

L'anello deve essere quindi mantenuto in sede per tre settimane, poi segue una settimana di pausa senza l'anello dove compariranno le pseudomestruazioni. Nel caso in cui l'anello venga accidentalmente espulso, esso può essere lavato con acqua fredda o tiepida e deve essere reinserito immediatamente.

Prima di iniziare ad utilizzare l'anello contraccettivo è bene valutare le possibili controindicazioni con il proprio ginecologo. Per esempio bisogna escludere una possibile gravidanza in corso, eventuali malattie dell'apparato cardiocircolatorio, diabete o una ridotta tolleranza agli zuccheri, eventuali tumori maligni dell'apparato genitale e della mammella, ecc.. Infine, se si decide di adottare questo metodo anticoncezionale, è consigliabile smettere di fumare.

Qual è l'efficacia di questo metodo contraccettivo? Indice di Pearl



Metodi contraccettivi / anticoncezionali

Metodi contraccettivi naturali

- Coito interrotto

- Metodo Ogino Knaus

- Metodo Billings

- Metodo della temperatura basale

Metodi contraccettivi meccanici

- Preservativo o profilattico

- Diaframma anticoncezionale

- Spirale (IUD= Intra Uterine Device)

Metodi contraccettivi chimici / ormonali

- Pillola anticoncezionale

- Anello anticoncezionaleo

- Cerotto anticoncezionale

Metodi contraccettivi chirurgici

- Legatura delle tube

- Vasectomia

Indice di Pearl

- Efficacia metodo contraccettivo

Condividi questa pagina nei Social Network

Link sponsorizzati