UniversONline.it

Alimentazione anti-cancro, le more - Salute: Ancora una volta uno studio dimostra che la prevenzione dei tumori può iniziare dalla tavola

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Alimentazione anti-cancro, le more

Alimentazione anti-cancro: le more

Ancora una volta uno studio dimostra che la prevenzione dei tumori può iniziare dalla tavola. Presso i laboratori dell'Ohio State Comprehensive Cancer Center si sono esaminate le proprietà dei frutti di bosco, in particolare di una sostanza contenuta in essi, le antocianine (i pigmenti vegetali ai quali è dovuta la colorazione), dei flavonoidi in grado di inibire la crescita delle cellule tumorali. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Cancer Prevention Research (Gennaio 2009).

Molti frutti comunemente definiti "di bosco" (more, mirtilli, fragole) contengono una miscela variabile di antocianine che può andare dai 1.000 e 10.000 mg/Kg-l. La ricerca americana per il momento ha esaminato gli effetti delle antocianine su alcuni ratti affetti da tumore esofageo concludendo che questa classe di flavonoidi non solo sono in grado di inibire la crescita di cellule tumorali ma ne stimolano anche l'apoptosi (un processo di morte cellulare programmata che interessa singole cellule).

Per condurre la ricerca gli studiosi hanno somministrato giornalmente un estratto di more (60 grammi die) alle cavie. Gary D. Stoner, docente del Dipartimento di medicina interna dell'Ohio State University e coautore della ricerca, spiega che i dati raccolti dimostrano per la prima volta quanto già si era sperimentato in vitro, le antocianonine sono efficaci quasi quanto i frutti interi.

Il prossimo passo dei ricercatori sarà quello di valutare l'efficacia di questo trattamento antitumorale anche sull'uomo. L'obiettivo ultimo è quello di individuare i componenti attivi presenti nell'estratto delle more affinché possa essere migliorata l'efficacia con delle somministrazioni mirate.

Le antocianine hanno proprietà difensive dei capillari sanguigni e funzionano a livello cellulare come ossidante dei cosiddetti radicali liberi, i gruppi di atomi che accelerano i processi d'invecchiamento del corpo e la cui attività è causa di gravi malattie come ad esempio i tumori. Le antocianine non sono presenti solo nelle more o più in generale nei frutti di bosco, anche l'uva e le arance rosse contengono buone concentrazioni di antociani, circa 500-7.000 mg/Kg-l.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook