UniversONline.it

La cancerogenicitÓ della carne rossa dipende anche dalla cottura - Dopo la notizia che la carne rossa pu˛ incrementare il rischio di tumore al colon, molte persone hanno iniziato a porsi delle domande, il consumo di tale...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

La cancerogenicitÓ della carne rossa dipende anche dalla cottura

Carne rossa alla brace

Dopo la notizia che la carne rossa pu˛ incrementare il rischio di tumore al colon, molte persone hanno iniziato a porsi delle domande, il consumo di tale alimento non Ŕ per˛ diminuito pi¨ di tanto. Visto che l'allarme era arrivato dall'Organizzazione mondiale della Salute e i risultati sono stati pubblicati su Lancet Oncology, una prestigiosa rivista scientifica, il ministero della salute italiano ha chiesto un parere da parte del Comitato Nazionale per la Sicurezza Alimentare (CNSA). Sebbene il documento completo arriverÓ solo nel secondo semestre del 2016, alcune informazioni sono state giÓ divulgate.

Gli esperti spiegano che se si segue un regime alimentare vario, come pu˛ essere quello della dieta mediterranea, limitando il consumo eccessivo di carne rossa, sia fresca che trasformata (come ad esempio gli insaccati e i salumi), l'incremento di probabilitÓ di contrarre un tumore al colon Ŕ molto limitato. Bisogna ricordarsi per˛ che l'insorgenza dei tumori deriva da un insieme di fattori di natura individuale, comportamentale e ambientale. Fra i comportamenti che bisognerebbe tenere in conto vi Ŕ il tipo di cottura che si sceglie per la carne. Bisognerebbe limitare in particolar modo cotture alla brace con i barbecue e con alte temperature che possono essere raggiunte ad esempio con la frittura.

Sarebbe quindi sbagliato eliminare completamente la carne rossa dal proprio regime alimentare. La carne costituisce un'importante fonte di proteine ad alto valore biologico e di altri nutrienti essenziali (es. ferro e zinco) per la vita, soprattutto in alcune fasce d'etÓ e condizioni di salute (per esempio in caso di anemia).

Per quanto riguarda il tumore al colon retto ci sono vari fattori che possono incidere sul rischio, uno non dovrebbe quindi pensare solo a quanta carne si mangia e come la si cucina, dovrebbe stare attento a non condurre una vita sedentaria, stare all'interno di un range di normopeso (IMC tra 18,5 e 24,9 ), mangiare alimenti ricchi di fibre e limitare l'assunzione di quelli ad alto valore calorico. Se ci si attiene a questi consigli alimentari, non solo si contribuisce a ridurre il rischio di diverse forme tumorali ma si riduce anche la probabilitÓ di malattie cardiovascolari.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook