UniversONline.it

La carne rossa fa male - Perché la carne rossa fa male? Una risposta a questa domanda la da una ricerca condotta presso la Cleveland Clinic Foundation, la colpa risiederebbe in un...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

La carne rossa fa male

La carne rossa fa male

Perché la carne rossa fa male? Una risposta a questa domanda la da una ricerca condotta presso la Cleveland Clinic Foundation, la colpa risiederebbe in un aminoacido metabolizzato dal nostro organismo, la carnitina. Questo particolare aminoacido, che il nostro organismo utilizza per convertire i grassi in energia, non è però presente solo nella carne rossa, la si può trovare anche in integratori e bevande energetiche (bisogna stare quindi attenti a un suo sovra dosaggio che potrebbe derivare da una concomitanza di più fonti). Già da tempo numerosi studi evidenziavano un potenziale pericolo per la salute dell'uomo derivante da un eccessivo consumo di carni rosse, il suo consumo è stato infatti associato a un maggior rischio di infarto e la formazione di alcuni tumori, fino ad ora non se ne conoscevano però gli effettivi motivi. I risultati del nuovo studio sono stati pubblicati su Nature Medicine (Intestinal microbiota metabolism of l-carnitine, a nutrient in red meat, promotes atherosclerosis - doi: 10.1038 / nm.3145 - Aprile 2013).

Robert A Koeth, primo autore dello studio, spiega che la carnitina (L-carnitina) assunta con la carne (ma anche tramite integratori o bibite energetiche) viene assorbita nel tratto gastrointestinale per trasporto attivo (duodeno ed ileo) e metabolizzata dalla flora batterica intestinale. Questo processo origina la N-ossido-trimetilammina (TMAO), una sostanza già associata a un maggior rischio di aterosclerosi in una ricerca pubblicata nel 2011.

Partendo dai risultati ottenuti in studi precedenti, i ricercatori hanno iniziato le loro analisi osservando gli effetti che aveva la somministrazione di carnitina, per un periodo di 15 settimane, in alcune cavie da laboratorio. La somministrazione di elevati quantitativi di carnitina portava a un conseguente aumento dei livelli di N-ossido-trimetilammina (TMAO). Tale sostanza, accumulandosi nel sangue, aumentava il rischio di malattie cardiovascolari. Nello specifico si è osservato che i topi nella cui dieta era presente un integratore a base di L-carnitina, rispetto al gruppo di controllo (delle cavie a cui non è stato somministrato l'integratore), presentavano livelli di TMAO molto più elevati e, sopratutto, una percentuale doppia di aterosclerosi (una particolare forma di arteriosclerosi caratterizzata dalla formazione di placche aterosclerotiche, dette anche ateromi, sulle pareti delle arterie).

Successivamente i ricercatori hanno condotto una serie di esami su un gruppo di volontari umani, 2.595 persone con problemi cardiovascolari, confermando i risultati che erano stati ottenuti con le cavie da laboratorio. Eccessivi livelli di carnitina aumentano il rischio di malattie cardiovascolari. Stanley L Hazen, uno degli autori dello studio, spiega che in base a quanto osservato i problemi per la salute legati al consumo di carne rossa non risiederebbero quindi nei grassi. A livelli maggiori di carnitina erano invece associati alti livelli di colesterolemia con una probabilità maggiore di aterosclerosi.

Durante lo studio è anche emerso che i vegani e i vegetariani, come era intuibile, presentavano un basso livello di TMAO. Questo non era dovuto unicamente al fatto che non mangiassero carne ma influiva anche il tipo di flora batterica intestinale. Dall'indagine si è scoperto che l'intestino di queste persone è poco propenso a scomporre la carnitina in TMAO.

Alla luce di questi risultati alcuni potrebbero pensare che sia meglio diventare vegetariani eliminando la carne dalla tavola. Come per tante altre cose anche a tavola c'è un giusto equilibrio, altri studi hanno evidenziato che una dieta vegetariana aumenta i rischi di tumore all'intestino. In questa nuova ricerca si fa riferimento a un eccessivo livello di carnitina e, anche se bisognerebbe prediligere le carni bianche, mangiare ogni tanto carne rossa non fa male.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook