UniversONline.it

Carenza vitamina d e dieta per sovrappeso - Se si sta facendo una dieta per il sovrappeso, o l'obesità, e si ha una carenza di vitamina d, una sua supplementazione può essere di aiuto per perdere peso

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Carenza vitamina d e dieta per sovrappeso

Carenza vitamina d e dieta

Se si sta facendo una dieta per il sovrappeso, o l'obesità, e si ha una carenza di vitamina D, una sua supplementazione può essere di aiuto per perdere peso. La relazione tra carenza di vitamina d e perdita di peso è stata al centro di una ricerca condotta da un gruppo di esperti italiani dell'Ospedale Maggiore Policlinico: Fondazione IRCCS Ca. I risultati dello studio sono stati presentati in anteprima in occasione di ECO2015, il Congresso Europeo dell'Obesità (Praga - Maggio 2015).

Luisella Vigna, coordinatrice dello studio e responsabile del centro obesità e lavoro del Dipartimento di Medicina Preventiva (Clinica del lavoro dell'Ospedale Maggiore Policlinico), spiega che in base ai dati raccolti tutte le persone in sovrappeso o obese dovrebbero controllare i propri livelli di vitamina D attraverso le analisi del sangue.

Un livello ottimale di vitamina D aiuta a potenzia gli effetti di una dieta ipocalorica e migliora il profilo metabolico del soggetto, promuove in pratica la perdita di peso. Questa vitamina non è quindi da sottovalutare se si considera che, nel 2030, secondo alcune stime nel nostro Paese ben una donna su due e sette uomini su dieci potrebbero essere in sovrappeso.

Una carenza di vitamina d, oltre a influire sul peso, sembra possa incrementare anche il rischio di demenza. La scoperta è stata fatta qualche tempo fa da un gruppo di ricercatori dell'Università di Exeter Medical School coordinati dal dottor David Llewellyn (Vitamin D and the risk of dementia and Alzheimer disease - doi: 10 1212 / WNL 0000000000000755).

L'importanza della vitamina D è stata rimarcata da diversi studi, aumentare i livelli di vitamina D contribuisce a prevenire, e in alcuni casi addirittura a far regredire, un notevole numero di disturbi giornalieri come ad esempio la pressione alta e il mal di schiena. Può ridurre i sintomi di condizioni croniche come il diabete, l´artrite e previene alcune malattie infettive.

Carenza vitamina D - come aumentare i livelli di vitamina D

La fonte principale di vitamina D è costituita dall'esposizione cutanea alla luce solare, questa sorgente fornisce da sola ben il 90 per cento della vitamina D circolante o in forma di deposito. L'esposizione alla luce solare, grazie alla sua componente di raggi ultravioletti B, è la migliore e più naturale sorgente di vitamina D. Il nostro organismo è in grado di assumere la quantità necessaria e scarta la parte eccedente. Nella maggior parte dei casi è proprio una mancanza di esposizione alla luce solare il fattore più rilevante di una carenza di Vitamina D.

Sebbene in quantitativi decisamente inferiori rispetto all'esposizione al sole, la vitamina D può essere assunta anche attraverso la dieta. Gli alimenti dove la vitamina d si trova in quantità più elevate sono: salmone, tonno, dentice, pesce spada, aringhe, sgombro, sardine, olio di fegato di merluzzo e funghi (secondo i dati di uno studio pubblicato su Dermato-Endocrinology," Photobiology of vitamin D in mushrooms and its bioavailability in humans - DOI: 10 4161 / derm 23321", basterebbero 3-4 funghi al giorno esposti alla luce del sole per 60 minuti prima di cuocerli per ottenere la quantità giornaliera raccomandata di vitamina D).

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook