UniversONline.it

Peperoncino nella dieta contro la pressione alta - Un piatto di spaghetti con aglio, olio e peperoncino potrebbe essere un valido aiuto per abbassare la pressione arteriosa

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Peperoncino nella dieta contro la pressione alta

Peperoncino nella dieta

Un piatto di spaghetti con aglio, olio e peperoncino potrebbe essere un valido aiuto per abbassare la pressione arteriosa. Stando ai risultati di uno studio condotto presso la Third Military Medical University (Chongqing, Cina), il peperoncino piccante combatte l'ipertensione con conseguenti benefici per il cuore e l'intero sistema cardiocircolatorio. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Cell Metabolism (Dietary Capsaicin Improves Endothelium-Dependent Vasorelaxation and Prevents Hypertension , Agosto 2010).

Non è la prima volta che si esaltano i possibili benefici del peperoncino nei confronti della pressione sanguigna. A differenza delle altre volte, però, questa è la prima volta che si esaminano gli effetti antipertensivi della capsaicina, una sostanza contenuta nel peperoncino piccante, a lungo termine.

Il dottor Zhiming Zhu, coordinatore della ricerca, spiega che i risultati ottenuti, anche se relativi a delle cavie, dimostrano che un consumo costante di capsaicina aiuta a prevenire la pressione alta. La capsaicina, legandosi a particolari recettori (Trpv1), favorisce la produzione di ossido nitrico, un vasodilatatore naturale.

Le conclusioni degli esperti non si basano solo sui dati raccolti in laboratorio ma anche dai risultati di un'indagine condotta sulla popolazione. Esaminando lo stato della pressione sanguigna a livello nazionale si è rilevato che nella zona nord orientale della Cina la pressione alta interessa circa il 20 per cento della popolazione, un valore considerevolmente più alto rispetto alla Regioni sud occidentali dove la percentuale si attesta intorno al 10-14 per cento. Zhiming Zhu spiega che questa differenza è da attribuire all'alimentazione, la popolazione della zona sud occidentali ha una dieta ricca di alimenti piccanti e fa un largo uso di peperoncino.

I dati raccolti fino ad ora sembrano quindi confermare i benefici del peperoncino nei confronti della pressione alta. Per avere la prova definitiva non rimane che aspettare i risultati di una sperimentazione controllata non su delle cavie da laboratorio ma sull'uomo.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook