Ipertensione arteriosa - Alimentazione e salute - L'ipertensione arteriosa è la malattia tipica delle persone nervose, frettolose e cariche di lavoro e stress, che spesso mangiano troppo

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Ipertensione arteriosa

Ipertensione arteriosa

L'ipertensione arteriosa è la malattia tipica delle persone nervose, frettolose e cariche di lavoro e stress, che spesso mangiano troppo (è infatti una patologia tipica dell'alimentazione occidentale moderna). Causa disturbi come vertigini, disturbi alla vista e ronzii alle orecchie, palpitazioni, insonnia, difficoltà digestive, emicranie, ecc.; a lungo può affaticare il cuore e ripercuotersi su tutto il corpo, creando anche gravi problemi cardio-circolatori, disturbi renali e ictus.

La dieta

Eliminare drasticamente tabacco, caffè, alcol, tutte le sostanze eccitanti, limitate i grassi animali, latte e derivati, zuccheri, i cibi raffinati, diminuire il sale e tutti i cibi come dadi o conservati sotto sale (attenzione al pesce), carne, uova, insaccati; è importante seguire una dieta che ripristini il corretto rapporto sodio/potassio: frutta e verdura ricchi di potassio (broccoli, carote, cavoli, zucca, spinaci, asparagi, pere, mele, melone, albicocche, prugne, banane); consumare molto aglio e cipolla, cereali integrali; calcio e magnesio offrono protezione contro l'ipertensione e si trovano nei vegetali a foglia verde, legumi, semi; consumare regolarmente alghe, che forniscono un equilibrato rapporto di minerali utili e che contengono la laminina, una sostanza capace di curare l'ipertensione facilitando la circolazione arteriosa e aumentando l'eliminazione urinaria di sodio in eccesso; anche la vitamina C è fondamentale nella cura e nella prevenzione dell'ipertensione.

Consigli utili

Mangiare lentamente, a orari fissi, senza guardare la televisione; bere solo acque minerali non gassate; condurre una vita il più possibile vicino ai ritmi della natura.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook