UniversONline.it

NUMERO 62 nella Smorfia Napoletana - Quale il significato del numero 62 nella Smorfia Napoletana: Il morto ammazzato ('O muorto acciso)

Continua
Universonline su Facebook

Cosa associato al numero 62 nella Smorfia napoletana?

Il morto ammazzato ('O muorto acciso) corrisponde al numero 62, associazione che pu essere usata per animare il gioco della tombola o giocare al Lotto nel caso si voglia interpretare un sogno con la cabala.

Significato del numero 62: Il morto ammazzato

Il numero 62, che succede il numero 61 (Il cacciatore) e precede il numero 63 (La sposa), rappresentato dal morto ammazzato. Questo simbolo, nei sogni, pu essere ricondotto a dei cambiamenti improvvisi o cambiamenti preoccupanti in arrivo.

Analisi etimologica delle parole napoletane

O muorto acciso, vale a dire il morto ammazzato. Qui la smorfia prende in considerazione non il morto semplice, quello cio defunto per cause naturali, del quale nel parlato comune susa dire che morto nel proprio letto (anche quando tecnicamente ci non sia vero) e cio sia morto per malattia, vecchiaia, morto che come tale gi ricordato con il numero 47, ma colui che sia defunto di morte violenta e nella fattispecie con spargimento di sangue per mano di inveterati o occasionali nemici ed estensivamente anche il morto vittima del proprio dovere, sul lavoro, in guerra ecc..

Come per il numero 47, etimologicamente muorto il part. pass. del verbo mur dal latino morire collaterale del classico mori, memtre acciso risulta essere il part. passato del verbo latino accidere da un lat. volgare ad cadere => accedere => accidere collaterale di ob- cadere => occedere => occidere => uccidere.

Note sul contributo all'etimologia della "lingua napoletana"

Correlazione del numero 62 con altre smorfie e cabale

Smorfia tradizionale (toscana):
Stampatore in rame
Smorfia romana:
Scorpione
Smorfia genovese:
Stampatore
La cabala del cappuccino:
Non manco a mio dovere


Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici sui Social Network

Universonline su Facebook