UniversONline.it

Alcol in gravidanza se non si sapeva di essere incinta - Che effetti hanno gli alcolici nelle prime settimane di gravidanza o nel primo mese? Può capitare di continuare a bere alcolici in caso di una gravidanza,...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Alcol in gravidanza se non si sapeva di essere incinta

Alcol in gravidanza

Che effetti hanno gli alcolici nelle prime settimane di gravidanza o nel primo mese? Può capitare di continuare a bere alcolici in caso di una gravidanza, sopratutto se non programmata, e di conseguenza il bambino potrebbe sviluppare la sindrome alcolico fetale, una patologia che causa danni di una certa entità nel piccolo. Sebbene è ormai risaputo che durante le settimane di gestazione non bisogna bere alcolici in quanto possono influire sullo sviluppo e la salute del bambino, molte donne, anche se sanno di essere incinta, non abbandonano questo vizio sopratutto quando non hanno programmato la gravidanza. Il dato allarmante emerge da alcune indagini condotte dall'Istituto Superiore di Sanità (ISS) i cui risultati sono stati divulgati in occasione della Giornata mondiale di sensibilizzazione sulla Sindrome feto-alcolica.

Può capitare di continuare a bere alcolici durante le prime settimane di gestazione in caso di una gravidanza non programmata, dopo che si scopre di essere incinta molte donne, consapevoli del rischio, smettono però di bere. Stando ai dati di un sondaggio ci sono però alcune gestanti che continuano a bere alcolici noncuranti dei pericoli per il proprio bambino. Il problema non è però solo del nostro Paese, in Europa la percentuale delle donne che bevono almeno due bicchieri di bevande alcoliche quando sono in dolce attesa oscilla tra il 6 per cento della Svezia e ben l'82 per cento dell'Irlanda.

Emanuele Scafato, direttore dell'Osservatorio nazionale alcol (Ona) del Centro nazionale di epidemiologia, evidenzia che in base ad alcune indagini, le italiane che continuano a bere anche in gravidanza sono tra il 50 al 60 per cento, donne che continuano a mantenere le abitudini che avevano in precedenza sopratutto se non avevano programmato di restare incinta.

Per condurre l'indagine si è esaminato il tasso del consumo di alcolici nella fascia delle donne che va dai 30 ai 35 anni, periodo in cui le italiane affrontano mediamente la loro prima gravidanza. I dati hanno evidenziato che in questa fascia d'età non si bevono meno di due bicchieri. Tale dato, incrociato con altre informazioni, porta a dedurre che ben 7 neonati su 100 sono esposti all'alcol quando si trovano nel grembo materno.

Gli effetti dell'alcol in gravidanza sul bambino, in molti casi, non si vedono però alla nascita, essi potrebbero infatti manifestarsi più avanti nell'età evolutiva: disturbi nella crescita e alterazioni delle capacità cognitive. Sopratutto quando si programma di rimanere incinta, la maggior parte degli esperti consiglia di evitare le bevande alcoliche anche durante la fase del concepimento, questo perché non si sa esattamente quando la gravidanza potrebbe iniziare.

Sebbene non tutte le esposizioni all'alcol nel grembo materno comportano dei danni alla salute del bambino, il rischio di partorire un bambino con la sindrome alcolico fetale sono stimate tra il 30 e il 40 per cento in caso di un rilevante consumo di bevande alcoliche. La probabilità di danneggiare il nascituro aumentano proporzionalmente al consumo di alcol da parte della gestante, ciò nonostante anche un'assunzione sporadica di alcolici può rappresentare un pericolo per lo sviluppo del bambino . Il consumo di bevande alcoliche può influire sul suo sviluppo in ogni momento della maternità, inoltre ci sono ancora molti punti poco chiari sulla diversa suscettibilità dei bambini agli effetti dell'alcol: essa potrebbe dipendere da fattori genetici, altri comportamenti in concomitanza come il tabagismo, deficit nutrizionali, ecc..

Considerando che gli organi vitali del bambino si formano nei primi 10-15 giorni dal concepimento, periodo in cui molte donne non sanno ancora di essere incinta, è molto importante, in caso di gravidanza programmata, evitare l'assunzione di bevande alcoliche fin da subito, avvertimento che non vale solo per la madre in quanto alcuni studi suggeriscono che anche il padre dovrebbe evitare di bere alcolici prima del concepimento.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook