UniversONline.it

Pensione e aspettativa di vita - Nel 2040, quando si andrà in pensione a 68 anni e 11 mesi, l'aspettativa di vita media per gli uomini sarà di 88 anni mentre per le donne arriverà a 92...

Continua
Universonline su Facebook

Pensione e aspettativa di vita

Pensione e aspettativa di vita

Nel 2040, quando si andrà in pensione a 68 anni e 11 mesi, l'aspettativa di vita media per gli uomini sarà di 88 anni mentre per le donne arriverà a 92 anni. Rispetto alla Relazione sullo stato di salute del paese relativa al biennio 2009-2010 l'incremento stimato per il 2040 è notevole, gli uomini guadagneranno poco più di 9 anni mentre le donne sfioreranno gli 8 anni. Secondo quanto emerso dallo studio "La mortalità dei percettori di rendita in Italia" presentato a Roma dal Consiglio nazionale e dall'Ordine nazionale degli Attuari, negli anni a venire la longevità di chi percepisce una rendita pensionistica resterà superiore alla media generale dell'intera popolazione. Per chi non lo sapesse l'attuario è un esperto con specifiche competenze nella valutazione dei rischi finanziari e assicurativi.

Nel 2011, quando si poteva ancora andare in pensione a 61 anni, l'aspettativa di vita media per gli uomini era di 78,8 anni mentre per le donne 84,1. Con il passare degli anni, anche se il periodo di pensionamento si sposterà in avanti, gli anni in cui si potrà beneficiare della pensione aumenteranno. Il sistema pensionistico non sarà però in crisi in quanto piano piano diminuiranno i pensionati che hanno beneficiato del retributivo e aumenteranno quelli del contributivo.

Dai dati Istat 2012 emerge che l'Italia è uno dei primi Paesi al mondo per longevità della popolazione e, stando ad alcune indagini, gli uomini italiani vivono meglio e più a lungo. Dal 1998 al 2001, le aspettative di vita degli uomini sono cresciute di 2,1 anni mentre le donne hanno guadagnato solo 1,6 anni.

Quando ci si avvicina alla pensione è importante pensare a cosa si farà dopo, il cervello andrebbe infatti tenuto in allenamento anche dopo che si finisce la vita lavorativa per evitare il declino cognitivo.

Ma perché l'aspettativa di vita aumenta? Una delle ragioni dell'allungamento della speranza di vita è nella maggiore efficacia delle cure nei confronti di malattie un tempo del tutto mortali. Se ad esempio si prendono in considerazione i tumori, la riduzione della mortalità per queste patologie è del 20 per cento negli uomini e del 10 per cento nelle donne.

Anche se le stime sulla mortalità sono buone c'è però da considerare un aspetto preoccupante. Secondo alcuni esperti le nuove generazioni potrebbero invertire il trend dell'aspettativa di vita e i bambini delle nuove generazioni potrebbero essere i primi a vivere meno dei genitori a causa dei rischi legati all'obesità. Oggi, in Italia, ben un bambino su tre è sovrappeso e uno su dieci è obeso, una percentuale molto più alta rispetto a quella dei genitori.


Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Articoli di medicina e salute correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su Facebook