UniversONline.it

Costellazione di Andromeda - La costellazione di Andromeda (in latino Andromeda, genitivo Andromedae, abbreviata in And) una delle 18 costellazioni dell'emisfero boreale

Continua
Universonline su Facebook

Costellazione: Andromeda

Costellazione di Andromeda

La costellazione di Andromeda (in latino Andromeda, genitivo Andromedae, abbreviata in And) una delle 18 costellazioni dell'emisfero boreale (emisfero nord). Il periodo migliore per osservarla l'autunno. Culmina al meridiano intorno alle ore 22 del 10 novembre e ha un'estensione di 722 gradi quadrati. La stella alfa si chiama Alpheratz o Sirrah. Questa stella in comune con Pegaso dove rappresenta uno dei vertici del Quadrato.

Coordinate celesti (sistema equatoriale)
Declinazione centrale: 1 hr
Ascensione Retta centrale: + 40
Costellazione di Andromeda

Cassiopea era la regina la madre di Andromeda, questa fu incatenata in uno scoglio per essere sacrificata al mostro marino Cetus, ma si salv da questo atroce destino grazie a Perseo che la liber, in seguito la spos. Nonostante la costellazione di Andromeda sia molto nota non si pu dire che sia fra le pi appariscenti, infatti la stella pi luminosa di questa costellazione arriva appena alla 2 magnitudine.

Il particolare visivo di questa costellazione la linea di quattro stelle che arriva fino al quadrato di Pegaso. Sicuramente la il corpo celeste pi bello da osservare la Galassia di Andromeda, M31, la splendida galassia a spirale molto simile alla nostra galassia, per quanto essa sia distante visibile anche ad occhio nudo.

Stelle della costellazione e altri copri celesti

a (alfa) Andromedae (Sirrah o Alpheratz), mag. 2.1, una stella bianco-azzurra distante 105 a.l.

b (beta) And (Mirach), mag. 2.1, una gigante rossa distante 88 a.l.

g (gamma) And (Alaniak o Almach), distante 160 a.l., una notevole stella tripla. Le due componenti pi brillanti, di magnitudine 2.2 e 5.0, formano una delle pi belle coppie visibili con un piccolo telescopio; il loro colore giallo e azzurro. La stella pi debole, quella azzurra, ha anch'essa una compagna, una stella azzurra di 6 magnitudine, la cui risoluzione richiede aperture di almeno 220 mm.

d (delta) And, mag. 3.3, una gigante arancione distante 160 a.l.

m (mu) And, mag. 3.9, una stella bianca distante 82 a.l.

p (pi) And, distante 390 a.l., una stella bianco-azzurra di magnitudine 4.4 con una compagna di magnitudine 8.7 visibile anche con un piccolo telescopio.

56 And una coppia di giganti gialle di 6 magnitudine, distante 240 a.l. Le due stelle, che si trovano vicine all'ammasso stellare NGC 752, sono distintamente visibili anche con un binocolo.

M 31 (NGC 224), la Galassia di Andromeda, una galassia spirale distante 2.2 milioni di a.l. visibile a occhio nudo come una vaga macchia ovale, o meglio con un binocolo o un telescopio a piccolo ingrandimento (un ingrandimento troppo forte riduce il contrasto e rende meno visibili le parti meno brillanti della galassia). Nei bracci della spirale che circondano il nucleo si possono vedere delle strisce oscure. Ma l'intera estensione della galassia diventa visibile solo nelle fotografie a lunga esposizione; gli osservatori visuali vedono soltanto la parte centrale, pi brillante, della galassia. Se l'intera galassia di Andromeda fosse tanto brillante da poter essere vista a occhio nudo, essa apparirebbe cinque o sei volte il diametro della Luna. M 31 accompagnata da due piccole galassie satelliti, l'equivalente delle nostre Nubi di Magellano. La pi brillante di queste, M 32 (NGC 221), visibile con un piccolo telescopio come una vaga luminosit a 0,5 a sud del nucleo di M 31. La seconda compagna, NGC 205, pi grande ma meno brillante, e si trova a oltre 1 a NW di M 31.

NGC 752 un ammasso diffuso di oltre 100 stelle, distante 3400 a.l. Lo si pu vedere meglio con un telescopio.

NGC 7662, distante 1800 a.l., una delle nebulose planetarie pi brillanti e pi facili da vedere con un piccolo telescopio. A un basso ingrandimento, esso appare come una vaga stella blu-verde di 9 magnitudine, ma a un ingrandimento di x 100 circa rivela il suo disco leggermente ellittico. Aperture maggiori mostrano un buco nel centro; la stella centrale un oggetto difficile per i telescopi da dilettanti.


Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici sui Social Network

Universonline su Facebook