UniversONline.it

Omogeneizzati di carne, estrogeni e telarca precoce - Alcuni omogeneizzati di carne presentano dei livelli di estrogeni talmente elevati che potrebbero essere messi in relazione con la crescita del seno in...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Omogeneizzati di carne, estrogeni e telarca precoce

Omogeneizzati di carne

Alcuni omogeneizzati di carne presentano dei livelli di estrogeni talmente elevati che potrebbero essere messi in relazione con la crescita del seno in bambine di 2-3 anni. Qualche anno fa la procura di Torino ha aperto un'inchiesta sul telarca precoce, la crescita del seno nelle bambine, e tra l'inizio del 2010 e la fine del 2011 sono oltre 100 i casi rilevati solo presso l'ospedale infantile Regina Margherita del capoluogo piemontese. Secondo quanto sospettato dagli investigatori, i bovini utilizzati per la produzione di omogeneizzati di carne sarebbero stati alimentati con estrogeni.

Prima di capire se c'è un effettivo pericolo per le bambine cerchiamo di capire meglio cosa è il telarca precoce. Con il termine "telarca precoce" ci si riferisce allo sviluppo di una o entrambe le mammelle in bambine che non hanno ancora compiuto l'ottavo anno di via. Nella forma isolata l'ingrandimento mammario si presenta senza o con scarsa pigmentazione dell'areola mammaria e dei capezzoli, generalmente in bambine di età inferiore ai tre anni, con crescita staturale, velocità di crescita, età ossea e genitali interni adeguati e conformi all'età cronologica. Lo sviluppo precoce del seno è una manifestazione benigna che generalmente evolve con andamento ciclico, alternando momenti di maggiore a minore sviluppo mammario, sino alla regressione spontanea in tempi variabili da pochi mesi ad alcuni anni. E' importante evidenziare che il telarca precoce non influenza ne la crescita ne l'inizio dello sviluppo puberale vero.

Torniamo ad esaminare i dati dell'indagine, il telarca precoce è stato riscontrato nelle piccole pazienti nel periodo compreso tra l'allattamento e lo svezzamento. Anche se la procura ha aperto un fascicolo d'inchiesta contro ignoti, sono finiti sotto esame i prodotti di due note marche di omogeneizzati con le quali erano state svezzate le bambine. In una vecchia inchiesta condotta tra il 2003 e il 2006 furono segnalati 331 episodi di tealrca precoce. Nel dettaglio: 285 casi a Torino e provincia, 41 casi nelle altre province del Piemonte e 5 casi nelle altre regioni d'Italia.

Per quale motivo, considerando che questo è un problema che risale all'inizio del 2000, non ci sono molti studi scientifici a riguardo? Secondo la comunità scientifica il problema è meno grave di quanto sembri, i media sollevano un gran polverone ma il telarca precoce non comporta un pericolo per la salute delle bambine in quanto si ha una naturale risoluzione della sintomatologia senza ricadute sulla salute dei soggetti.

La comunità europea, sin dal 1989, pone una grande attenzione in ambito alimentare sulla base di un principio di precauzione; ha vietato l'impiego negli allevamenti di sei ormoni, utilizzati abitualmente negli Stati Uniti ed in numerosi altri Paesi, per accelerare la crescita dei vitelli. Il divieto è stato esteso anche all'importazione di carne bovina ottenuta da animali sottoposti a trattamento con sostanze ormonali. Gli esperti si sono poi concentrati su cinque ormoni di crescita (progesterone, testosterone, zeranolo, trembolone e melengestrolo acetato) estendendo il divieto provvisorio fino a quando non si completeranno le indagini per valutare un possibile rischio per i consumatori, inoltre, è stato confermato il divieto permanente dell'estradiolo 17 beta.

Il problema del telarca precoce anche se non ha delle conseguenze sullo sviluppo potrebbe influire sulla sfera psicologica. La società è in continuo mutamento e alcuni aspetti potrebbero non avere un'unica causa. Se prendiamo in considerazione l'età della pubertà che si sta abbassando sempre di più ci si rende conto che è un fenomeno multi-fattoriale in cui giocano un ruolo elementi in grado di influenzare l'attività della ghiandola pituitaria quali: l'obesità, il consumo di cibi grassi e abbondanti e la mancanza di esercizio fisico. Oggi, rispetto agli inizi del '900, l'età della pubertà si è abbassata notevolmente. In circa il 20 per cento dei casi le ragazzine hanno il primo ciclo mestruale intorno ai 10-11 anni contro i 14-15 anni di prima. Fra le varie cause ci potrebbero essere anche i modelli proposti dalla società che spingono le bambine a comportarsi, vestirsi ed atteggiarsi da donne adulte.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook