UniversONline.it

Astronomia: Turismo spaziale - Astronomia - Il turismo spaziale, in un futuro non molto lontano, potrÓ essere una realtÓ. GiÓ ora si pu˛ pernottare il volo sulla navetta spaziale

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Turismo spaziale

Turismo spaziale

Il turismo spaziale, in un futuro non molto lontano, potrÓ essere una realtÓ. E' vero che qualche turista spaziale c'Ŕ giÓ stato, per esempio l'americano Tito Dennis o l'americana di origini iraniane Anousheh Ansari, rispettivamente il primo e la prima donna che hanno avuto il privilegio di fare una vacanza alternativa nello spazio, ma Ŕ anche vero che per la loro vacanza hanno spesso delle cifre considerevoli non alla portata di tutti.

Per i voli spaziali sembra per˛ preannunciarsi un panorama simile a quello che Ŕ accaduto con i voli di linea. Alcuni anni fa prendere l'aereo era molto dispendioso, oggi invece, grazia anche ai voli low cost, Ŕ ormai alla portata di tutti. Grazie ad un accordo tra la Your Private Italy e la Virgin Galactic, Ŕ giÓ possibile prenotare il proprio viaggio spaziale, la data di partenza per˛ non potrÓ essere antecedente al 2010. A partire da agosto 2008 inizieranno invece i test preliminari sul nuovo velivolo spaziale (Space Ship 2).

Man mano che si andrÓ avanti il turismo spaziale avrÓ dei costi sempre pi¨ accessibili, per il momento si parla di una cifra intorno ai 200 mila dollari, al cambio attuale circa 130 mila euro. Cosa prevede per ora la vacanza che si pu˛ prenotare tramite la Your Private Italy? I passeggeri passeranno inizialmente tre giorni presso un hotel a 5 stelle nel New Mexico, sede dell'aeroporto spaziale Spaceport America, dove verranno preparati per il volo. Finita la preparazione, i turisti saliranno sulla Space Ship Two che in questa fase Ŕ agganciata alla navetta madre battezzata Whiteknighttwo (Wk2). Nella prima parte del viaggio, voleranno per circa 45 minuti fino ad arrivare a 15mila metri dal nostro pianeta da dove si potrÓ ammirare la curva terrestre. Nella fase successiva, dopo lo sgancio dalla navetta madre, la Space Ship Two accenderÓ i propulsori e in pochi secondi supererÓ di tre volte la velocitÓ del suono.

Ogni volo spaziale prevede un numero massimo di 6 turisti, il viaggio avrÓ una durata 2 ore e mezzo durante le quali si potrÓ sperimentare l'assenza di peso e la velocitÓ del suono. Alcuni potrebbero pensare che per poter essere dei turisti spaziali ci sia bisogno di un fisico particolare, sebbene siano necessari alcuni perquisiti non sembra ci siano dei limiti particolari. Per il momento in lista d'attesa per un volo con la Virgin Galactic ci sono passeggeri che vanno dai 22 agli 88 anni, compresi un uomo privo delle gambe e un portatore di bypass.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Altri articoli correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook