UniversONline.it

Camomilla - piante officinali ed erbe medicinali - Piante officinali e erbe, scheda e informazioni per Camomilla (camomilla comune) - Nome botanico: Matricaria recutita (M. Chamomilla)

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Piante officinali e erbe: Camomilla (camomilla comune)

Camomilla (Piante officinali)

Nome botanico: Matricaria recutita (M. Chamomilla)
Famiglia pianta: Asteraceae (Composite)

Descrizione

La pianta cresce spontanea in tutta l'Europa centro meridionale. Di della camomilla si utilizzano i fiori (capolini), tra l'altro presenti anche in Farmacopea.

Tempo balsamico: i capolini fioriti si raccolgono in maggio-giugno prima della fioritura, si essiccano all'ombra in ambienti areati (mai al sole).

Attività principali e impiego terapeutico

La Camomilla comune è conosciuta anche come il rimedio calmante per eccellenza, e tradizionalmente usata come blando sedativo, per conciliare il sonno e contro i disturbi digestivi dei bambini.

Conoscenze scientifiche

La pianta contiene numerosi costituenti chimici (un olio essenziale, flavonoidi, cumarine e polisaccaridi) responsabili di attività antiinfiammatorie ed antispastiche sulla muscolatura liscia del tubo digerente. È indicata in gastriti, esofagiti, ulcera peptica, piuttosto che come blando sedativo. Può essere assunta come decotto preparato con un cucchiaio da minestra per tazza d'acqua fredda (bollire un minuto), o meglio sotto forma di estratti secchi adeguatamente titolati. La Camomilla entra anche nella composizione di creme e specialità medicinali.

Avvertenze

Può essere responsabile di reazioni allergiche.

Livelli di tossicità: considerata innocua se assunta in quantità appropriate per brevi periodi di tempo.

Gravidanza ed allattamento: non si riscontrano effetti collaterali nella gravidanza per assunzioni di piccole dosi. Per il momento non sono stati riscontrati neanche effetti nei bambini nutriti con latte materno qualora la madre abbia fatto uso di questa pianta medicinale in quantità moderate. In entrambi i casi, esiste tuttavia il rischio che sorgano problemi. E' consigliabile l'uso sotto prescrizione medica.

Neonati e bambini: è rischioso somministrare qualsiasi preparato a base di piante medicinali a bambini sotto i due anni d'età.

Note sull'utilizzo delle piante medicinali

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook