UniversONline.it

Costellazione Giraffa (Camelopardalis) - La costellazione della Giraffa (in latino Camelopardalis, genitivo Camelopardalis, abbreviata in Cam) una delle 18 costellazioni dell'emisfero boreale

Continua
Universonline su Facebook

Costellazione: Camelopardalis

Costellazione Giraffa (Camelopardalis)

La costellazione della Giraffa (in latino Camelopardalis, genitivo Camelopardalis, abbreviata in Cam) una delle 18 costellazioni dell'emisfero boreale (emisfero nord). Appartiene al gruppo delle costellazioni circumpolari, quelle visibili (condizioni meteorologiche e inquinamento luminoso permettendo) in un qualsiasi notte dell'anno. Culmina al meridiano intorno alle ore 22 del 23 gennaioe ha un'estensione di 757 gradi quadrati.

Coordinate celesti (sistema equatoriale)
Declinazione centrale: 6 hrs
Ascensione Retta centrale: +70
Costellazione della Giraffa

Costellazione poco nota e poco visibile, fu scoperta da un astronomo olandese di nome Petrus Plancius, ma fu resa nota al pubblico nel 1624 per merito di un famoso matematico tedesco di nome Jakob Bartsch.

Stelle della costellazione e altri copri celesti

alfa Camelopardalis, mag. 4.3, una supergigante azzurra distante 2800 a.l.

beta Cam, mag. 4.0, la stella pi brillante della costellazione. una supergigante gialla distante 1500 a.l. Ha una compagna larga di 9º magnitudine, visibile con un piccolo telescopio o anche con un buon binocolo.

e 1694 (Struve 1694), distante 400 a.l., una coppia di stelle bianche di mag. 5.3 e 5.8, facilmente risolubili con un piccolo telescopio.

NGC 1502 un piccolo ammasso di circa 15 stelle, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio, di forma pressoch triangolare e con al centro due stelle doppie facilmente risolubili. distante 3750 a.l.

NGC 2403, distante 11 milioni di a.l., una galassia spirale di 9º magnitudine lunga circa 0.33, facilmente visibile come una macchia luminosa ellittica con un telescopio di 100 mm.

NGC 2523, in Camelopardalis, una galassia spirale barrata dalla forma curiosa. Essendo della 13º magnitudine, al di l della portata dei telescopi per dilettanti.


Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici sui Social Network

Universonline su Facebook