UniversONline.it

Tumore al fegato, il sorafenib rimborsabile - Il sorafenib, un farmaco per il trattamento del tumore al fegato, stato inserito dall'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) nella lista dei farmaci rimborsabili

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Tumore al fegato, il sorafenib rimborsabile

Tumore al fegato: il sorafenib  rimborsabile

Il sorafenib, un farmaco per il trattamento del tumore al fegato, stato inserito dall'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) nella lista dei farmaci rimborsabili. Il decreto che d il via libera al Nexavar (sorafenib) stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (24 Giungo 2008).

Il sorafenib attualmente l'unica molecola in grado di contrastare il tumore del fegato. L'Agenzia Italiana del Farmaco ha deciso di inserire il farmaco fra quelli rimborsabili visti i buoni risultati ottenuti in due studi clinici internazionali denominati Sharp e Asia-Pacific. I due studi, ai quali hanno preso parte anche alcuni centri italiani, hanno dimostrato che il trattamento con il Nexavar (sorafenib) pu prolungare di oltre il 40 per cento la sopravvivenza dei pazienti.

La molecola sorafenib non un chemioterapico ma rientra nella terapia target. Appartiene a quei farmaci mirati che agiscono bloccando il meccanismo della crescita tumorale nella singola cellula. In precedenza numerosi farmaci sono stati testati contro il tumore del fegato ma c' sempre stato un fallimento, il Nexavar (sorafenib) ha invece dato degli ottimi risultati.

Francesco Cognetti, primario di oncologia medica all'IFO Regina Elena di Roma, spiega che questo farmaco molto importante in quanto negli ultimi trent'anni tutti i tentativi di mettere a punto terapie efficaci per l'epatocarcinoma erano falliti. Fino ad ora non esisteva nessuna terapia efficace e l'unica soluzione era il trapianto. L'oncologo spiega che la molecola gi utilizzata con successo da anni anche per il trattamento del tumore del rene. Il sorafenib stato il primo farmaco a bersaglio molecolare approvato nel 2005 per il trattamento del tumore del rene avanzato o metastatico.

Il tumore al fegato una neoplasia che, nella maggior parte dei casi, si conclama in persone gi malate di cirrosi: epatiti e alcol rappresentano quindi i principali fattori di rischio. Fino ad oggi, per il 90 per cento dei casi di tumore al fegato, non esistevano terapie in grado di mostrare un miglioramento di sopravvivenza e per i quali si ricorreva quindi alle sole cure palliative. Alla luce di questo si pu quindi intuire l'importanza del sorafenib.

Il Nexavar (sorafenib) va assunto per via orale, ben tollerata e pu essere somministrata anche a domicilio, si ha quindi anche un impatto positivo sulla qualit della vita di questi pazienti. Attualmente sono gi in corso nuovi studi clinici che hanno l'obiettivo di valutare un possibile uso del sorafenib sia per la prevenzione delle recidive di epatocarcinoma in pazienti gi sottoposti a trattamenti potenzialmente curativi sia per consolidare i risultati dei trattamenti locoregionali.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook