Cura del cancro - La medicina moderna ha a disposizione numerosi strumenti per combattere il cancro, tutti i trattamenti possono però essere collocati in uno dei seguenti...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Cura del cancro

La medicina moderna ha a disposizione numerosi strumenti per combattere il cancro, tutti i trattamenti possono però essere collocati in uno dei seguenti gruppi: chirurgia, radioterapia e trattamenti farmacologici. I trattamenti farmacologici per numerosi anni sono stati rappresentati dalla chemioterapia, grazie alle nuove scoperte si sta però facendo strada un nuovo approccio terapeutico farmacologico, l'immunoterapia oncologica. L'obiettivo dei farmacia a bersaglio molecolare è quello di potenziare le risposte immunitarie dell'organismo contro il tumore.

L'idea alla base dell'immunoterapia oncologica non è di certo nuova, già a partire dai primi anni del Novecento si era ipotizzato che il sistema immunitario fosse in grado, grazie a una stimolazione esterna, di combattere il cancro. Una reazione dell'organismo analoga a quella che si ottiene normalmente nel caso di virus e batteri. Solo grazie alle scoperte mediche degli ultimi anni si è potuto però iniziare a pensare concretamente anche a questo approccio per la cura del cancro.

Nel caso del cancro il concetto di guarigione è legato fondamentalmente al fattore tempo, in molti casi non si può avere la certezza assoluta che la malattia non si ripresenti di nuovo. Anche quando viene rimosso un tumore localizzato, c'è sempre l'incognita che vi siano in giro per l'organismo cellule tumorali maligne dalle quali potrebbe insorgere nuovamente il tumore o delle metastasi (nuovi tumori che si formano dalle cellule staccate dal tumore originale).Normalmente, una persona si considera guarita dal tumore se dopo 5 anni dal termine della cura non manifesti più segni o sintomi della neoplasia. In alcuni casi, come per esempio nel tumore al polmone o alla prostata, si preferisce aspettare ben 10 anni prima di affermare che un paziente sia guarito completamente dalla malattia. Durante quest'arco di tempo, a parte alcuni, il paziente non deve più sottoporsi a nessuna cura particolare ma deve solo eseguire dei controlli periodici. In attesa del verdetto finale, salvo i casi in cui si ripresenta il tumore o delle metastasi, la vita del paziente torna quindi ad essere come prima della malattia.

Sebbene annualmente si ha notizia di nuove promettenti cure per il cancro, queste non possono essere sperimentate direttamente su tutti i pazienti. Anche qui di seguito proponiamo un elenco con numerose Notizie Mediche relative alla cura del cancro, bisogna però considerare che molte di queste riportano i dati di studi in fasi molto iniziali e non è detto che al termine dell'indagine la terapia, sebbene promettente, si riveli efficace nella cura. Alcune terapie potrebbero anche curare il cancro ma gli effetti collaterali potrebbero essere maggiori dei benefici. Una cura sperimentale, prima di essere utilizzata su larga scala, deve essere vagliata da un gruppo di esperti che esamina le prove a favore e contro i diversi tipi di trattamento e stabilisce una sorta di protocollo di comportamento al quale i medici dovrebbero attenersi per curare quella determinata malattia.

Solo seguendo delle regole ben precise si può favorire la diffusione di terapie con provata efficacia e un buon rapporto tra rischi e benefici, nonché una certa uniformità nel modo con cui vengono curati i pazienti affetti da un tumore con caratteristiche comuni. Quando si ha notizia di una nuova cura per il cancro, prima di farsi false illusioni è importante quindi capire a che stadio del processo si trova lo studio dietro alla terapia, se è in una fase iniziale o in una dove si sta sperimentando la fase clinica sull'uomo, uno degli ultimi passi prima dell'autorizzazione all'utilizzo su tutti i pazienti.

Approfondimenti e Pubblicazioni Scientifiche relative alla cura del cancro

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook