UniversONline.it

Il sesso e gli Italiani - Sesso: Il sesso e gli Italiani, incertezza e preoccupazione in materia di prestazioni sessuali

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Il sesso e gli Italiani

sesso e gli Italiani

Il Censis colpisce ancora è il caso di dire, infatti questa volta mette il naso su un argomento molto piccante, il latino è davvero un "latin lover" o pura "leggenda" ormai fuori moda ?

Infatti il sondaggio mette a nudo tutti i problemi che aleggiano nelle coppie Italiane, il 59,2% degli uomini ha ammesso di provare incertezza e preoccupazione in materia di prestazioni sessuali, e il 42,6% ha dichiarato di soffrire o di aver sofferto di difficoltà sessuali. Le donne single non avrebbero rapporti sessuali più soddisfacenti il 31,9% delle nubili e il 47,7% delle separate/divorziate, infatti, ha dichiarato di non avere attualmente una vita sessuale, e il 30,4% la giudica insoddisfacente o pessima. Come non è vero che gli atteggiamenti trasgressivi siano adottati dalla maggioranza di persone: solo il 2,8% ha detto di aver avuto rapporti con più partner contemporaneamente, l'1,7% di fare l'amore in gruppo, l'1,4% di praticare lo scambio di partner, lo 0,8% di avere rapporti sadomasochistici, si tratterebbe dunque di una ristretta élite trasgressiva, tanto fra gli uomini che fra le donne.

Aboliti i falsi miti emergono, invece, nuove normalità. Come ormai possiamo dire che non è più una rarità il sesso della terza età: il 73,4% delle persone fra i 61 e i 70 anni dichiarano di avere una vita sessualmente attiva, così come il 39,1% delle persone in età fra i 71 e gli 80 anni. Mentre i giovani hanno rapporti senza inibizioni: il 90,4% dice di avere una vita sessuale positiva, giudicata ottima o buona, anche se fino ai 30 anni può capitare di non avere per lunghi periodi una vita sessuale (17,8%) o di non aver avuto ancora rapporti sessuali completi (18,4%); il primo rapporto non avviene prima dei 17, per il 59,1% la verginità è un valore, una scelta strettamente personale, non dettata da entità morali terze, e infine il 62,3% ammette serenamente di aver avuto preoccupazioni riguardo alle proprie prestazioni sessuali.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook

Articoli di medicina e salute correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook