UniversONline.it

La salute di gay e lesbiche ... - Sessualitą  e Salute: La salute di gay e lesbiche ... - Omosessuali, bisessuali e transessuali, oggi giorno, subiscono sempre pił maltrattamenti, abusi e

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

La salute di gay e lesbiche ...

La salute di gay e lesbiche

Omosessuali, bisessuali e transessuali, oggi giorno, subiscono sempre pił maltrattamenti, abusi e discriminazioni, gli viene negata la dignitą  di esseri umani, in un mondo all'avanguardia e all'insegna dell'emancipazione, tali atteggiamenti inducono alla riflessione. Pregiudizi sociali, tradizioni religiose ma anche legislazioni e governi di molti popoli, suggellano tali atteggiamenti. L' Amnesty International, l'organizzazione che opera per la difesa dei diritti umani fa il punto della situazione, in una relazione, pubblicata dal prestigioso The Lancet, accusa coloro che operano nel settore della salute, nel rapporto si legge: "essi non sono spettatori passivi, bensą¬ attivi perpetratori di abusi", si citano le terapie contro l'omosessualitą  praticate in Sud Africa sotto l'apartheid, volte a recuperare verso la normalitą  gli atteggiamenti sessualmente "devianti". In alcuni paesi l'omosessualitą  viene classificata come malattia mentale e curata con le medicine, si vuole esercitare un controllo sociale su un aspetto intimo e privato, e non si vuole riconoscere nella diversitą  sessuale un'altra identitą . L'Amnesty sottolinea come questi comportamenti influiscano sulla salute di gay, lesbiche e trans, creando tensioni e stress, barriere difficili da superare, sollecita i governi e le istituzioni competenti perchč ripudino le leggi discriminatorie, condannino torture e maltrattamenti, si assicurino a tutte le identitą  sessuali, programmi e servizi sanitari adeguati.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook