UniversONline.it

Dipendenza da cioccolato alla sola vista - Salute: Se si è golosi di cioccolato la sola vista di questo alimento fa reagire alcune aree celebrali generando un forte bisogno di mangiarlo

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Dipendenza da cioccolato alla sola vista

Dipendenza da cioccolato alla sola vista

Se si è golosi di cioccolato la sola vista di questo alimento fa reagire alcune aree celebrali generando un forte bisogno di mangiarlo, si innesca una dipendenza analoga a quella che scaturisce nel cervello quando se ne assaggia un piccolo pezzettino. Nelle persone che non vanno matte per il cioccolato, invece, sia nel caso in cui venga assaggiato sia alla vista, non si registrano particolari metamorfosi celebrali. A rilevare che l'attività celebrale dei golosi di cioccolato viene stimolata non solo dal sapore, ma anche dalla sola vista, sono stati alcuni ricercatori dell'Università di Oxford i cui studi sono stati pubblicati sull'European Journal of Neuroscience (Agosto 2007).

Per condurre l'esperimento i ricercatori hanno coinvolto 16 donne, 8 amanti del cioccolato e 8 che invece non avevano una particolare passione per l'alimento. Sfruttando la risonanza magnetica i ricercatori hanno osservato i mutamenti del cervello delle pazienti in varie fasi, prima sono state mostrate alcune immagini di tavolette di cioccolato e cioccolatini, successivamente a tutte le partecipanti è stato offerto del cioccolato fuso. Dall'analisi delle immagini del cervello si è potuto notare che le persone golose di cioccolato presentavano un aumento dell'attività celebrale alla sola vista dell'alimento, una variazione che invece non è stata riscontrata nel secondo gruppo.

Le immagini hanno mostrato che la cioccolata agisce su tre aree del cervello: la corteccia orbitofrontale, il corpo striato ventrale e la corteccia cingolata. I ricercatori hanno inoltre evidenziato che le reazioni celebrali sono molto più marcate quando i due sensi, del gusto e della vista, sono concomitanti. Edmund Rolls, uno dei ricercatori inglesi dell'università di Oxford autori dello studio, spiega che attraverso la risonanza magnetica è possibile capire quali cibi piacciono di più alle persone in base alla risposta del loro cervello.

Questa ricerca ha dimostrato che sia nelle persone golose di cioccolato sia in quelle indifferenti all'alimento, se pur con rapporti differenti, mangiare del cioccolato senza poterlo vedere o mangiarlo potendo usare anche il senso della vista non è uguale in quanto i due sensi combinati insieme generano una risposta cerebrale molto più intensa.


Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook