UniversONline.it

Farmaco: Theo-dur | Bugiardino n. 12782 - Foglietto illustrativo n. 12782 - Farmaco Theo-dur: ricetta, principio attivo, prezzo, effetti e dosaggio [Confezione: 300 mg 30 Compresse a rilascio...

Continua
Universonline su Facebook

Cerca un farmaco »  

Farmaco: Theo-dur

Farmaco: Theo-dur | Bugiardino n. 12782

Confezione: 300 mg 30 Compresse a rilascio prolungato

Casa farmaceutica: Recordati Industria Chimica e Farmaceutica S.p.A.

Classe farmaceutica: A

Ricetta Theo-dur: RR - medicinale soggetto a prescrizione medica

ATC: R03DA04

Principio attivo Theo-dur: Teofillina (DC.IT) (FU)

Gruppo terapeutico: Antiasmatici, derivati xantinici

Scadenza Theo-dur: 24 mesi

Temperatura di conservazione: n.d.

Indicazioni terapeutiche / effetti Theo-dur (300 mg 30 Compresse a rilascio prolungato )

Asma bronchiale, affezioni polmonari con componente spastica bronchiale.

Posologia / dosaggio Theo-dur (300 mg 30 Compresse a rilascio prolungato )

Si consiglia di iniziare la terapia con le seguenti dosi: bambini di 15-20 kg: 100 mg (1/2 compressa di Theo-Dur 200 mg compresse a rilascio prolungato ogni 12 ore); bambini di 20-25 kg: 150 mg (1/2 compressa di Theo-Dur 300 mg compresse a rilascio prolungato ogni 12 ore); bambini sopra i 25 kg e adulti: 200 mg (1 compressa di Theo-Dur 200 mg compresse a rilascio prolungato ogni 12 ore). Se entro 3 giorni non si raggiunge una sufficiente risposta terapeutica e non vi sono effetti collaterali, la dose quotidiana può essere aumentata: nei bambini aggiungendo 100 mg al giorno (50 mg ogni 12 ore); negli adulti passando a 1 compressa di Theo-Dur 300 mg compresse a rilascio prolungato ogni 12 ore; negli adulti di peso superiore ai 70 kg può essere necessaria una compressa di Theo-Dur 450 mg compresse a rilascio prolungato ogni 12 ore. Tale dosaggio (450 mg ogni 12 ore) può essere utilizzato anche in quei soggetti nei quali il monitoraggio plasmatico del farmaco dimostri che le ordinarie dosi non consentono di mantenere la teofillinemia entro l’intervallo terapeutico (es. nei forti fumatori). Nel caso che anche con la dose suddetta non si raggiunga una sufficiente risposta terapeutica e il prodotto è ben tollerato è possibile incrementare ulteriormente le dosi, controllando però le concentrazioni sieriche di teofillina. Tale controllo andrà effettuato nell’intervallo compreso tra la terza e l’ottava ora dopo la somministrazione di una dose e dopo un periodo di trattamento di almeno tre giorni, effettuato seguendo fedelmente lo schema posologico. Se i livelli di teofillina nel siero sono tra 10 e 20 mcg/ml e la tollerabilità è buona, la posologia non va modificata e va ricontrollata la concentrazione di teofillina nel siero a intervalli di 6-12 mesi. Se la concentrazione sierica di teofillina è troppo elevata o troppo bassa, occorrerà variare gradualmente la posologia sino a rientrare nei livelli ottimali. Il lento grado di assorbimento di questa preparazione potrebbe permettere la somministrazione in dose unica giornaliera (once a day) nell’adulto non fumatore, con appropriata clearance corporea totale, e negli altri pazienti con esigenza di un basso dosaggio. Una somministrazione in dose unica giornaliera dovrebbe essere presa in considerazione solo dopo che il paziente trattato con la somministrazione ogni 12 ore sia portato gradualmente e soddisfacentemente ai livelli terapeutici. La somministrazione in dose unica giornaliera dovrebbe essere considerata sulla base del doppio della dose a 12 ore e dovrebbe iniziare alla fine delle 12 ore dall’ultima somministrazione. La concentrazione minima (Cmin) ottenuta seguendo la conversione della dose unica giornaliera potrebbe essere più bassa (specialmente in pazienti con alta clearance) e il picco di concentrazione (Cmax) potrebbe essere più alto (specialmente in pazienti con bassa clearance) di quelli ottenuti con la dose ogni 12 ore. Se ricompare la sintomatologia, o se si manifestano segni di tossicità durante l’intervallo della dose unica giornaliera, si dovrebbe riprendere il dosaggio ogni 12 ore. E’ necessario che le concentrazioni sieriche di teofillina siano controllate prima e dopo il passaggio alla dose unica giornaliera. L’assunzione di cibo e la posizione, insieme a cambiamenti associati al ritmo circadiano, potrebbero influenzare l’assorbimento e/o la clearance di teofillina nelle forme a rilascio controllato somministrate alla sera. L’esatta correlazione di questi e altri fattori con le concentrazioni sieriche notturne e il significato clinico di tali risultati richiedono studi ulteriori. Pertanto si consiglia che Theo-Dur in dose unica giornaliera non venga somministrato alla sera. Theo-Dur in dose unica giornaliera deve essere assunto intero senza essere spezzato. Un adattamento del dosaggio basato sulle valutazioni della concentrazione sierica di teofillina, quando queste istruzioni non siano state seguite, può presentare rischio di tossicità per il paziente. Si dovrebbe usare con cautela nei bambini più piccoli che non sono in grado di riferire gli effetti collaterali minori. Pazienti anziani, affetti da: cuore polmonare, insufficienza cardiaca, malattie epatiche dovrebbero aver bisogno raramente di più bassi dosaggi e quindi possono manifestare fenomeni tossici ai massimi dosaggi terapeutici raccomandati sopra. E’ importante che nessun paziente sia mantenuto a un dosaggio non tollerato. Nelle istruzioni per l’aumento delle dosi ai pazienti, in accordo allo schema sopra esposto, deve essere consigliato di non assumere dosi ripetute se compaiono evidenti effetti collaterali e di riassumere la terapia alla dose inferiore una volta che gli effetti collaterali siano scomparsi.


Elenco farmaci: indice medicinali in ordine alfabetico



Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su Facebook