UniversONline.it

Farmaco: Venlafax. Alt | Bugiardino n. 13434 - Foglietto illustrativo n. 13434 - Farmaco Venlafax. Alt: ricetta, principio attivo, prezzo, effetti e dosaggio [Confezione: 150 mg 10 Capsule rp ]

Continua
Universonline su Facebook

Cerca un farmaco »  

Farmaco: Venlafax. Alt

Farmaco: Venlafax. Alt | Bugiardino n. 13434

Confezione: 150 mg 10 Capsule rp

Casa farmaceutica: Laboratori Alter s.r.l.

Classe farmaceutica: A

Ricetta Venlafax. Alt: RR - medicinale soggetto a prescrizione medica

ATC: N06AX16

Principio attivo Venlafax. Alt: Venlafaxina (cloridrato)

Gruppo terapeutico: Antidepressivi

Scadenza Venlafax. Alt: 36 mesi

Temperatura di conservazione: Non superiore a +30°

Indicazioni terapeutiche / effetti Venlafax. Alt (150 mg 10 Capsule rp )

Depressione maggiore.

Posologia / dosaggio Venlafax. Alt (150 mg 10 Capsule rp )

Adulti: dose individuale: 75 mg una volta al giorno. Si raccomanda di assumere le capsule con il cibo. Ogni capsula deve essere ingerita intera con del liquido. Non aprire, rompere, masticare o sciogliere la capsula in acqua. Venlafaxina Alter deve essere assunto in un’unica dose giornaliera la mattina o la sera, preferibilmente sempre alla stessa ora. Episodi di depressione maggiore: la dose efficace nel trattamento della depressione va normalmente dai 75 mg ai 225 mg. Il trattamento deve essere iniziato alla dose di 75 mg una volta al giorno. Alcuni effetti antidepressivi saranno evidenti dopo 2-4 settimane di terapia, con dosi standard adeguate. In caso di risposta clinica insoddisfacente, la dose può essere aumentata a 150 mg, quindi di nuovo fino a 225 mg. I pazienti che non rispondono possono trarre beneficio da un ulteriore incremento della dose fino a 375 mg; tuttavia, l’esperienza con alte dosi è ancora limitata. In tutti i casi, le dosi alte devono essere somministrate sotto attenta supervisione medica. Le dosi devono essere aumentate a intervalli di circa 2 settimane o più, con un minimo di 4 giorni tra ogni incremento. Se dopo 2-4 settimane non si osserva alcuna risposta, non sarebbe di alcun beneficio continuare il trattamento. E’ comunemente accettato che episodi acuti di depressione maggiore richiedono continui trattamenti farmacologici di almeno 4-6 mesi. In alcuni pazienti potrebbero essere necessari più lunghi cicli di trattamento (vedere Proprietà farmacodinamiche nel RCP). Il medico curante deve valutare periodicamente l’utilità del trattamento prolungato con la venlafaxina. Bambini e adolescenti al di sotto di 18 anni di età: la venlafaxina non deve essere usata per il trattamento di bambini e adolescenti al di sotto di 18 anni di età (vedere Avvertenze speciali e precauzioni d’impiego nel RCP). Studi clinici controllati condotti su bambini e adolescenti affetti da Disturbo Depressivo Maggiore non sono riusciti a dimostrare l’efficacia della terapia. Anziani: negli anziani il trattamento deve essere iniziato alla più bassa dose raccomandata. In caso di aggiustamento individuale della dose, deve essere prestata maggiore attenzione nell’aumentare la dose. Riduzione della dose in pazienti con insufficienza renale ed epatica (GFR 10-70 mg/ml): la dose giornaliera deve essere ridotta del 25-50%. La dose totale giornaliera della venlafaxina deve essere ridotta del 50% in pazienti sottoposti a emodialisi. La somministrazione deve essere effettuata dopo il completamento dell’emodialisi. In caso di insufficienza epatica moderata (tempo di protrombina 14-18 s): la dose giornaliera deve essere ridotta del 50%; in caso di insufficienza epatica grave devono essere valutate ulteriori riduzioni della dose. L’interruzione improvvisa del trattamento deve essere evitata. Quando si interrompe la terapia con la venlafaxina, la dose deve essere gradualmente ridotta nell’arco di un periodo di almeno 1-2 settimane, al fine di ridurre il rischio di reazioni da sospensione (vedere Effetti indesiderati nel RCP). In caso di comparsa di sintomi intollerabili in seguito a riduzione della dose o a interruzione del trattamento, può essere necessario ripristinare la dose precedentemente prescritta. Successivamente, il medico può continuare a ridurre la dose, ma in modo più graduale.


Elenco farmaci: indice medicinali in ordine alfabetico



Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Seguici sui Social Network

Universonline su Facebook