UniversONline.it

Farmaco: Ondansetrone Ran | Bugiardino n. 09531 - Foglietto illustrativo n. 09531 - Farmaco Ondansetrone Ran: ricetta, principio attivo, prezzo, effetti e dosaggio [Confezione: 8 mg 6 Compresse ]

Continua
Universonline su Facebook

Cerca un farmaco »  

Farmaco: Ondansetrone Ran

Farmaco: Ondansetrone Ran | Bugiardino n. 09531

Confezione: 8 mg 6 Compresse

Casa farmaceutica: Ranbaxy Italia S.p.A.

Classe farmaceutica: A

Ricetta Ondansetrone Ran: RR - medicinale soggetto a prescrizione medica

ATC: A04AA01

Principio attivo Ondansetrone Ran: Ondansetrone cloridrato diidrato (FU)

Gruppo terapeutico: Antiemetici

Scadenza Ondansetrone Ran: 36 mesi

Temperatura di conservazione: n.d.

Indicazioni terapeutiche / effetti Ondansetrone Ran (8 mg 6 Compresse )

Trattamento della nausea e del vomito indotti da chemioterapia e radioterapia citotossica e per la prevenzione e il trattamento della nausea e del vomito post-operatori (PONV).

Posologia / dosaggio Ondansetrone Ran (8 mg 6 Compresse )

Nausea e vomito indotti da chemioterapia e radioterapia: adulti: il potenziale emetogeno del trattamento per il cancro varia in base alle dosi e alle combinazioni dei regimi di chemioterapia e di radioterapia utilizzati. La via di somministrazione e la dose dell’ondansetrone devono essere flessibili in un intervallo di 8-32 mg/die e selezionati come descritto di seguito. Chemioterapia e radioterapia emetogene: per pazienti sottoposti a chemioterapia o radioterapia emetogene, l’ondansetrone può essere somministrato sia per via orale che per via endovenosa. Per la maggior parte dei pazienti sottoposti a chemioterapia o radioterapia emetogene, l’ondansetrone deve essere somministrato inizialmente per via endovenosa immediatamente prima del trattamento, seguito da 8 mg per via orale ogni 12 ore. Per somministrazione orale: 8 mg 1-2 ore prima del trattamento, seguito da 8 mg 12 ore più tardi. Per proteggere contro il vomito ritardato o prolungato dopo le prime 24 ore, il trattamento orale con l’ondansetrone deve essere continuato fino a 5 giorni dopo un ciclo di trattamento. La dose raccomandata per la somministrazione orale è di 8 mg 2 volte al giorno. Chemioterapia altamente emetogena: per i pazienti sottoposti a chemioterapia altamente emetogena, per esempio cisplatino ad alto dosaggio, l’ondansetrone può essere somministrato per via endovenosa. Per proteggere contro il vomito ritardato o prolungato dopo le prime 24 ore, il trattamento orale con l’ondansetrone deve essere continuato fino a 5 giorni dopo un ciclo di trattamento. La dose raccomandata per la somministrazione orale è di 8 mg 2 volte al giorno. Bambini (di età uguale o superiore ai 2 anni) e adolescenti (< 18 anni): l’esperienza in pazienti in età pediatrica è limitata. Nei bambini di età superiore ai 2 anni l’ondansetrone può essere somministrato per via endovenosa in 1 dose singola di 5 mg/m2 per 15 minuti immediatamente prima della chemioterapia, seguita da 4 mg somministrati oralmente 12 ore dopo. Un trattamento orale con una dose proporzionale all’area corporea deve essere continuato fino a 5 giorni dopo un ciclo di trattamento. I bambini con un’area corporea tra 0,6 e 1,2 m2 devono ricevere uno schema di dosi di 4 mg 3 volte al giorno, mentre i bambini con un’area corporea superiore a 1,2 m2 devono ricevere 8 mg 3 volte al giorno. Non si ha esperienza per quanto riguarda bambini di età inferiore a 2 anni. Ondansetrone Ranbaxy non può essere utilizzato nei bambini con una superficie corporea totale al di sotto dei 0,6 m2. Anziani: l’ondansetrone è ben tollerato dai pazienti al di sopra dei 65 anni e non è richiesta alcuna modifica della dose, della frequenza o della via di somministrazione. Vedere anche Popolazioni speciali. Nausea e vomito post-operatori (PONV): prevenzione del PONV: adulti: per la prevenzione del PONV, l’ondansetrone può essere somministrato oralmente o per iniezione endovenosa. Per somministrazione orale: 16 mg un’ora prima dell’anestesia. In alternativa, 8 mg un’ora prima dell’anestesia seguiti da 2 ulteriori dosi da 8 mg a intervalli di 8 ore. Trattamento della nausea e del vomito post-operatori (PONV): adulti: per il trattamento della nausea e del vomito post-operatori (PONV) che si sono già instaurati, si raccomanda una somministrazione endovenosa. Bambini (di età uguale o superiore ai 2 anni ) e adolescenti (< 18 anni): per la prevenzione e il trattamento del PONV si raccomanda una lenta iniezione endovenosa. Anziani: vi è un’esperienza limitata sull’uso dell’ondansetrone nella prevenzione e nel trattamento della nausea e del vomito post-operatori (PONV) negli anziani, tuttavia l’ondansetrone è ben tollerato in pazienti di età superiore a 65 anni sottoposti a chemioterapia. Vedere anche Popolazioni Speciali. Popolazioni speciali: pazienti con insufficienza renale: non è richiesta alcuna modifica della dose giornaliera, o della frequenza delle dosi o della via di somministrazione. Pazienti con insufficienza epatica: la clearance dell’ondansetrone è significativamente ridotta e l’emivita sierica è significativamente prolungata in soggetti con insufficienza epatica da moderata a grave. In questi pazienti non si deve superare la dose giornaliera totale di 8 mg. Pazienti con un ridotto metabolismo della sparteina e della debrisochina: l’emivita di eliminazione dell’ondansetrone non è alterata in soggetti classificati come deboli metabolizzatori della sparteina e della debrisochina. Di conseguenza, in questi pazienti una dose ripetuta fornirà dei livelli di esposizione al farmaco non differenti da quelli della popolazione generale. Non è richiesta alcuna modifica della dose giornaliera o della frequenza delle dosi.


Elenco farmaci: indice medicinali in ordine alfabetico



Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su Facebook