UniversONline.it

Cirrosi epatica: dieta e farmaci - In caso di cirrosi epatica, per la dieta e i farmaci bisogna fare una distinzione nel caso in cui ci si trovi davanti ad una patologia di tipo compensata o...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Cirrosi epatica: dieta e farmaci

[Questa scheda fa parte di una serie di articoli raggiungibili attraverso la pagina principale: Cirrosi epatica]

Per la dieta e i farmaci, in caso di cirrosi epatica, bisogna fare una distinzione a seconda che ci si trovi davanti ad una patologia di tipo compensata o scompensata. In entrambi i casi è comunque del tutto sconsigliata l'assunzione di bevande alcoliche, anche in minime quantità, in quanto tale assunzione rende più grave la prognosi della malattia e ne accelera la progressione.

Sebbene ci siano degli studi che hanno esaltato gli effetti benefici del caffè sul fegato, il consiglio in caso di cirrosi è quello di limitarne l'assunzione a 2 tazzine al giorno. In caso di cirrosi epatica sono da utilizzare con estrema cautela tutti i farmaci anti infiammatori (sia i farmaci antinfiammatori steroidei che i farmaci antinfiammatori non steroide noti come FANS). In caso di cirrosi scompensata vanno sospese le terapie basate su farmaci cortisonici ed i FANS (un farmaco antinfiammatori abbastanza noto è l'ibuprofene, esso è il principio attivo di medicinali quali Moment, Brufen, Nurofen, ecc.). Prima di assumere qualsiasi farmaco ricordatevi comunque di chiedere il parere del vostro medico o, in caso di prescrizioni, informatelo della vostra situazione clinica nel caso non ne fosse già al corrente.

La dieta da seguire in caso di cirrosi epatica dipende essenzialmente dal fatto se sia presente o meno uno scompenso e quale sia il tipo di scompenso: ascite o encefalopatia. In caso di ascite va adottata una dieta con poco sale evitando i cibi salati (formaggi, insaccati, etc.). In caso di encefalopatia epatica va ridotta drasticamente la quota dei cibi ricchi di proteine (carne, pesce e uova).

La dieta va adattata in funzione della comparsa di eventuali complicanze legate alla cirrosi epatica stessa. Grazie ad una dieta ipoproteica si evita che i livelli di ammonio salgano, in questo modo si prevengono segni di confusione mentale (encefalopatia epatica). La restrizione di proteine (carne, pesce e uova) deve prevedere un quantitativo che non superi i 100 grammi al giorno. In caso di comparsa di accumulo di liquidi nell'addome (ascite), sarà utile intraprendere una dieta iposodica, cioè con riduzione del sale e dei cibi salati (salumi, latticini e formaggi, etc).

In assenza di complicanze (ascite o encefalopatia), a parte la completa eliminazione degli alcolici, la dieta per la cirrosi epatica compensata è quella che dovrebbe seguire un soggetto normale, cioè regolare per calorie e distribuzione dei nutrienti. Il vostro medico vi saprà comunque dare il consiglio migliore in base alla vostra situazione clinica.

Spesso alcuni pazienti colpiti da cirrosi epatica con ascite chiedono come potrebbero sostituire il sale nella dieta, il consiglio è quello di utilizzare alcune erbe e spezie come basilico, prezzemolo, aglio e cipolla.

Ulteriori informazioni sulla patologia potete trovarle nelle seguenti schede:

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook