UniversONline.it

Cirrosi epatica: aspettative di vita - Le aspettative di vita di un paziente affetto da cirrosi epatica non sono prevedibili a priori, la malattia evolve lentamente

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Cirrosi epatica: aspettative di vita

[Questa scheda fa parte di una serie di articoli raggiungibili attraverso la pagina principale: Cirrosi epatica]

Le aspettative di vita di un paziente affetto da cirrosi epatica non sono prevedibili a priori, la malattia evolve lentamente e in modo differente da persona a persona. Per questo motivo, per valutare con maggiore sicurezza le aspettative di vita, bisogna conoscere la situazione dell'evoluzione della cirrosi epatica relativa al singolo paziente.

La patologia ha un decorso che può essere diviso in due fasi e prendono rispettivamente il nome di: cirrosi epatica compensata e cirrosi epatica scompensata.

Cirrosi epatica compensata

Nella fase della cirrosi epatica compensata il paziente può non presentare nessun sintomo e persino non accorgersi di essere malato.

Se la cirrosi epatica viene diagnosticata in questa fase, in base alle statistiche i pazienti sopravvivono al 90% per altri 5 anni, all'80% per altri 10 e poi man mano che si va avanti le percentuali diminuiscono.

Cirrosi epatica scompensata

La cirrosi epatica scompensata è una fase successiva dove compaiono una o più delle seguenti complicanze: comparsa di ittero (colorazione giallastra della cute); ascite (liquido all'interno dell'addome); emorragia da varici esofagee (segno di ipertensione portale); epatocarcinoma; encefalopatia epatica; peritonite batterica spontanea o sindrome epato-ranale.

Nella fase della cirrosi epatica scompensata i tassi di sopravvivenza sono sensibilmente ridotti. Le stime per 5 anni sono del 50% mentre per 10 anni si scende al 30%.

Aspettative di vita e lo score di Child (classificazione di child)

Per valutare lo stadio di evoluzione della cirrosi epatica, e di conseguenza le aspettative di vita, si può utilizzare lo "score di Child" (classificazione di child). Questo sistema prevede la raccolta di una serie di parametri clinici e di laboratorio come: bilirubina totale, la coagulazione del sangue, l'albumina plasmatica, la presenza o meno di ascite (accumulo di liquido nell'addome), la presenza di encefalopatia epatica, ecc.

La diagnosi e la certificazione di una cirrosi epatica viene classificata con gli stadi Child A, Child B o Child C. Statisticamente la mortalità a 5 anni è rispettivamente del: 12%, 50% e 87%.

E' bene precisare che solo una serie di analisi compiute presso dei laboratori potranno dare una risposta certa alle vostre domande. Usare Internet per farsi un'idea di un certo argomento va bene, ma utilizzare delle informazioni per fare un'auto diagnosi rischia solo di creare degli allarmi inutili, solo un medico che analizza ogni singolo caso potrà darvi le risposte che cercate.

Ulteriori informazioni sulla patologia potete trovarle nelle seguenti schede:

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook