UniversONline.it

Proprietà del cioccolato e calorie - Il cioccolato (derivato dai semi della pianta del cacao) è un alimento che può migliorare il buon umore e la salute

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Proprietà del cioccolato e calorie

Il cioccolato (derivato dai semi della pianta del cacao) è un alimento calorico, 100 grammi forniscono in media 545 kcal, ma è anche energizzante e, se consumato in piccole dosi, può migliorare il buon umore e la salute.

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che il cioccolato fa bene alla salute, in commercio ne possiamo però trovare una varietà notevole e non tutti presentano le stesse caratteristiche. Un cioccolato non è quindi uguale all'altro e si distingue soprattutto dagli ingredienti aggiunti dopo la lavorazione del seme del cacao. Partiamo da quello che ha il quantitativo minore di cacao, il cioccolato bianco, esso contiene circa il 20 per cento di cacao, zucchero e una buona percentuale latte in polvere (elemento che gli da la colorazione bianca), troviamo poi il cioccolato base (usato solitamente per la realizzazione di dolci), con una percentuale minima di cacao del 35 per cento di cui circa il 18 per cento è costituita da burro di cacao, c'è poi il cioccolato al latte costituito da una miscela di pasta di cacao, burro di cacao, zucchero e latte in polvere o concentrato, infine, troviamo il cioccolato fondente, una varietà costituita da pasta di cacao, burro di cacao e zucchero. Di quest'ultimo possiamo trovare due sottotipi principali: extra fondente, con almeno il 45 per cento di cacao di ottima qualità (di cui il 28 per cento è costituito da burro di cacao), e fondente, con almeno il 43 per cento di cacao di media qualità (in questo caso la percentuale di burro di cacao è circa del 26 per cento).

Per capire se un cioccolato è di una buona qualità bisogna controllare, sull'etichetta, il rapporto tra contenuto di zucchero (carboidrati) e grassi (proteina), i grammi in grassi devono essere maggiori di quelli dei carboidrati totali. I grassi devono essere prevalentemente apportati dal cacao e non da grassi aggiunti, solitamente il cioccolato fondente con una percentuale di cacao del 70-72 per cento è un buon cioccolato con proprietà benefiche anche per l'organismo e non solo buono per il palato.

Miti e benefici del cioccolato

Quando si parla di cioccolato (o cacao) a volte se ne esaltano i benefici mentre altre volte si tende a demonizzarlo, prima di tutto è bene sfatare alcuni luoghi comuni come ad esempio quello che il cioccolato fa venire i brufoli o fa male ai denti. Sebbene ormai numerosi studi hanno dimostrato che il cacao non favorisce la formazione di carie, ancora oggi molti pensano che sia vero. Secondo alcune ricerche i tannini presenti nel cacao potrebbero addirittura proteggere in denti in quanto inibiscono la crescita batterica, contribuiscono a ridurre il processo di demineralizzazione (fattore che è alla base dello sviluppo della carie) e riducono la formazione di placca. Ovviamente questo beneficio lo si ha con il cioccolato che contiene i quantitativi maggiori di cacao (dal 70 per cento in su). Per quanto riguarda l'acne, diversi studi hanno dimostrato che non vi è, da parte del cioccolato, nessuna influenza sulla produzione e la composizione della secrezione sebacea e, di conseguenza, non influisce sull'evoluzione di questa malattia cronica della pelle.

Fra le sostanze contenute nel cioccolato troviamo i flavonoidi (o bioflavonoidi), dei composti chimici naturali che contribuiscono a proteggere il cuore in due modi: abbassando le lipoproteine a bassa densità (LDL, dall'inglese Low Density Lipoprotein), il cosiddetto colesterolo cattivo nel sangue; e impedendo l'aggregazione delle piastrine, processo importantissimo nell'arteriosclerosi. I flavonoidi svolgono inoltre un'azione antiossidante e contribuiscono a migliorare l'elasticità dei vasi sanguigni e l'ossidazione dei tessuti. Tali benefici non si hanno però con tutti i tipi di cioccolato, questo perché una buona percentuale di flavonoidi potrebbe essere persa durante il processo di lavorazione, meglio scegliere quindi cioccolato di alta qualità e con una buona percentuale di cacao.

Negli anni numerosi studi hanno esaminato gli effetti del cioccolato su diverse patologie, sebbene non sempre in maniera esaustiva si è scoperto che può essere utile per combattere il Parkinson, ridurre l'incidenza di ictus e tumori, rallentare l'invecchiamento e migliorare il buon umore. Il cioccolato, anche se in minima parte, contiene serotonina, un neurotrasmettitore mediatore del buonumore, contiene inoltre magnesio, un minerale che ha la funzione di riequilibrare il tono del sistema nervoso e di restituire il buonumore, feniletilamina (un' anfetamina dall'organismo anche nella fasi dell'innamoramento), fenilalanina e tirosina (due sostanze mediatrici del benessere).

Situazioni dove il cioccolato può fare male

Abbiamo visto che il cioccolato fondente possiede numerose proprietà benefiche, ci sono però alcune situazioni dove il cioccolato può essere controindicato o andrebbe assunto con moderazione. I pediatri sconsigliano di dare cioccolato ai bambini sotto i 2-3 anni di età, questo perché nei primi anni di vita il fegato e i reni non sono ancora in grado di elaborare completamente, e in maniera ottimale, alcune sostanze contenute nel cacao.

Visto l'elevato potere calorico, i grandi obesi (persone con un Indice di Massa Corporea ,IMC, maggiore di 35) dovrebbero eliminare dalla propria dieta il cioccolato. L'alimento andrebbe poi consumato con estrema cautela dai diabetici. Il consumo di qualsiasi tipo di cioccolato viene poi sconsigliato a chi soffre di gastrite, reflusso gastroesofageo, colite e alle persone che hanno problemi di emicrania (la tiramina, contenuta nel cacao e in altri alimenti come ad esempio i formaggi stagionati, può accentuate le crisi di emicrania). Anche le persone che soffrono di calcolosi renale devono stare attente, il cioccolato è ricco di ossalati di calcio che possono precipitare nelle urine, una condizione che potrebbe incidere in maniera rilevante sulla patologia. E' bene però precisare che ad oggi non ci sono studi scientifici esaustivi sul legame del cioccolato con i calcoli renali o le coliche infantili, in via precauzionale è comunque opportuno limitarne le dosi. Particolare attenzione devono porre anche le persone allergiche al nickel perché questo metallo è presente anche nel cacao (nel cioccolato fondente la concentrazione è di circa 2,6 microgrammi per grammo, nel cioccolato al latte 1,2 e nel cacao in polvere 9,8).

Cioccolato senza lattosio

Attenzione infine alla presenza di lattosio nel cioccolato. Sebbene tutto il cioccolato fondente puro dovrebbe essere senza lattosio, a chi è intollerante conviene sempre leggere con attenzione l'etichetta per verificarne l'assenza.

Calorie cioccolato

All'inizio dell'articolo abbiamo visto che esistono diversi tipi di cioccolato, ovviamente al variare del tipo non variano solo le caratteristiche ma anche le calorie, ecco le calorie di alcuni tipi (calorie per 100 grammi di prodotto):

  • Cioccolato al latte: 565 kcal
  • Cioccolato fondente (45-60 %): 542 kcal
  • Cioccolato fondente (70 %): 560 kcal
  • Cioccolato fondente (85 %): 575 kcal
  • Crema di nocciole e cacao: 537 kcal
  • Cioccolato gianduia: 509 kcal
  • Cacao amaro in polvere: 355 kcal

Note: le calorie del prodotto, anche se di poco, potrebbero variare a seconda della qualità del cioccolato, i valori vanno intesi quindi come medie.

Osservando la lista delle calorie del cioccolato si potrebbe pensare che uno vale l'altro in quanto non vi è molta differenza calorica fra i vari tipi, essi sono infatti compresi tra le 509 e le 565 kcal per 100 g. Bisogna però stare attenti perché vi è una sostanziale differenza nelle sostanze che danno l'apporto calorico: se nel cioccolato fondente buona parte dell' apporto calorico è dato dai grassi buoni, nel cioccolato al latte molte calorie sono riconducibili ai carboidrati (in particolare zuccheri). Le calorie del cioccolato fondente sono quindi migliori.

Secondo alcuni studi il cioccolato fondente può anche aiutare a perdere peso, basterebbe mangiarne un paio di quadratini al giorno (ovviamente in abbinamento a una dieta equilibrata) per avere dei benefici sulla linea e sulla salute.

Approfondimenti e Pubblicazioni Scientifiche relative al cacao e alle proprietà del cioccolato

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook