UniversONline.it

Cardiologia, monitorare il cuore con il cellulare (CareLink) - Scienze - La cardiologia dispone di un nuovo strumento utile per monitorare, in tempo reale, la situazione clinica del paziente cardiopatico anche se esso...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Cardiologia, monitorare il cuore con il cellulare (CareLink)

CareLink, per monitorare il cuore

La cardiologia dispone di un nuovo strumento utile per monitorare, in tempo reale, la situazione clinica del paziente cardiopatico anche se esso non si trova in ospedale, il sistema CareLink Network di Medtronic dotato di un'esclusiva telemetria wireless (Conexus). Questo apparecchio, presentato in occasione del Congresso della Società Europea di Cardiologia, trasmette direttamente al medico, attraverso un SMS o un e-mail, i dati relativi alla salute del paziente permettendo così di intervenire prontamente nel caso in cui un'eventuale patologia cardiaca diventi potenzialmente fatale.

Il medico può impostare la trasmissione dei dati in automatico a seconda del tipo di problema rilevato, non vi è quindi una comunicazione costante ma questa avviene solo al verificarsi di un determinato evento che potrebbe essere un'aritmia, un sovraccarico di liquido, o un'altra complicazione cardiaca. Rispetto ai prototipi precedenti, in questa nuova versione, è presente un'innovativa funzione che consente di monitorare anche lo stato dei liquidi (OptiVol).

Alcuni pazienti italiani hanno già potuto usufruire di questo nuovo strumento. Il CareLink Network è stato sperimentato con successo in un progetto pilota che ha coinvolto 137 pazienti seguiti in vari ospedali di Milano: l'Ospedale Niguarda Cà Granda, l'Istituto Scientifico Universitario San Raffaele, l'Istituto Auxologico, l'Ospedale San Carlo Borromeo, inoltre, è stato coinvolto anche il Policlinico San Matteo di Pavia e l'Ospedale San Filippo Neri di Roma.

I pazienti a cui viene impiantato un dispositivo cardiaco, defibrillatore e resincronizzatore, devono sottoporsi a controlli regolari per monitorare il miglior funzionamento e la programmazione del dispositivo a seconda dello stato della cardiopatia. CareLink offre un servizio di monitoraggio via Internet in grado di connettere i pazienti ai propri medici curanti per l'esecuzione di "check-up virtuali". Il paziente non deve far altro che tenere una piccola antenna sul dispositivo cardiaco affinché le informazioni sul funzionamento del proprio cuore e del dispositivo stesso, simili alle informazioni ottenute durante una visita di verifica in ospedale, vengano scaricate in Medtronic CareLink Monitor. Le informazioni vengono inviate attraverso la linea telefonica direttamente a un nuovo centro dati in Europa ed il personale medico può accedervi connettendosi a un sito Web riservato e protetto.

In tutta Europa circa 14 milioni di persone soffrono di scompenso cardiaco, la morte cardiaca improvvisa causa il decesso di quasi mezzo milione di individui. Il Dottor John Morgan, docente di cardiologia presso la Southampton University di Southampton (Inghilterra), spiega che grazie alla tempestiva segnalazione della progressione delle patologie gravi esistono buone possibilità di evitare le visite d'emergenza in ospedale, riducendo così in modo significativo la spesa ospedaliera. Utilizzando CareLink si ha la possibilità di effettuare a distanza i controlli di routine, analoghi a quelli che si effettuano in una visita ambulatoriale, in questo modo, i medici possono esaminare rapidamente lo stato delle condizioni cardiache del paziente e pianificando eventuali appuntamenti successivi solo se necessari. Ciò comporta una migliore e più efficace gestione del paziente e l'opportunità per il medico di disporre di più tempo da dedicare a pazienti affetti da condizioni più gravi.

Medtronic CareLink Network è inoltre il primo e unico sistema a distanza di monitoraggio e notifica dell'accumulo di liquidi nella cavità toracica, responsabile dell'insorgenza di edema polmonare, la più comune complicanza nello scompenso cardiaco, oggi responsabile del maggior numero di ricoveri ospedalieri. Grazie a questo particolare algoritmo il sistema riesce ad anticipare la diagnosi dell'edema polmonare fino a due settimane dall'insorgenza, evitando l'ospedalizzazione del paziente ed aumentando notevolmente la qualità della vita.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Altri articoli correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook