UniversONline.it

Aereo sperimentale X-43 - Scienze - Articoli di Tecnologia : L'X-43 fallisce - Il fallimento dell'aereo sperimentale della Nasa, ha acceso subito un inchiesta per scoprire le

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

L'aereo sperimentale X-43 fallisce

aereo sperimentale X-43

Il fallimento dell'aereo sperimentale della Nasa, ha acceso subito un inchiesta per scoprire le cause dell'avvenuto.

L'aereo era spinto dallo Screamjet, che lo avrebbe dovuto lanciare ad una velocità  di mach 7, velocità  che sarebbe stata il record mondiale per un aereo.

L'X-43 si era alzato in volo attaccato al bombardiere B-52, una volta staccato da questo si è attivato il razzo Pegasus, sulla quale era montato per essere spinto fino a velocità  inconsuete, successivamente si sarebbero dovuti azionare i motori dello Screamjet che si attivano solo se il velivolo è già  lanciato a velocità  sostenute.

Purtroppo quando il Pegasus era ancora in fase di spinta la rotta ha deviato eccessivamente, costringendo i controllori di volo ad attivare l'autodistruzione (sull'aereo non c'erano uomini), in quel momento l'aereo era ancora sopra l'oceano pacifico a circa 7200 metri.

Poco dopo l'accaduto la Nasa ha attivato una commissione d'inchiesta per indagare sull'insuccesso.

Questa indagine sarà  facilitata, in quanto all'interno del prototipo c'erano vari strumenti altamente sofisticati con la funzione proprio di analizzare le prestazioni di ogni singola parte dell'aereo.

Questo esperimento è il primo di una serie di tre test che la Nasa deve completare su tre prototipi, nella quale era prevista comunque la distruzione dell'aereo.

Gli esperimenti servono a progettare un aereo più capiente, che sia in grado di trasportare anche piloti umani.

null

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Altri articoli correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook