UniversONline.it

WWF e Giornata delle oasi, la natura apre le porte - Scienze - Oltre 100 Oasi del WWF e 40 Riserve naturali Riserve naturali del Corpo forestale dello Stato saranno aperte gratuitamente al pubblico

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

WWF e Giornata delle oasi, la natura apre le porte

WWF: Giornata delle oasi

Cosa c'è di meglio di una sana giornata passata immersi nel verde ? Domenica 30 aprile (2006), oltre 100 Oasi del WWF e 40 Riserve naturali Riserve naturali del Corpo forestale dello Stato saranno aperte gratuitamente al pubblico.

Anche quest'anno si rinnova la Giornata delle Oasi, a differenza degli anni passati si sono ampliati gli spazi naturalistici visitabili grazie alla partnership con il Corpo Forestale dello Stato. Oltre 30.000 ettari di natura protetta grazie all'impegno di 40 anni di WWF in Italia.

Circa cinquecento volontari del WWF apriranno le porte di oltre 100 Oasi, mentre i forestali accoglieranno e guideranno i visitatori in 40 delle 130 Riserve Naturali dello Stato da loro gestite in tutta Italia, veri e propri gioielli verdi ancora poco conosciuti. L'evento ha ottenuto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. WWF e Corpo forestale hanno deciso di operare insieme per la difesa della biodiversità in Italia, sottoscrivendo una specifica convenzione nazionale, per la promozione della conservazione ecoregionale nelle Alpi e nel Mediterraneo centrale.

L'Italia è a buon diritto definita scrigno della biodiversità con un patrimonio di specie animali che rappresenta più di un terzo del patrimonio faunistico europeo, con 1176 specie di vertebrati e una flora fra le più ricche d'Europa con 5599 specie (il 50% dell'intera flora europea) . Inoltre, 48 tipi di paesaggio diversi che compongono lo scenario ricco e complesso del nostro paese. Tra gli ambienti più ricchi di biodiversità le zone umide (laghi, stagni, fiumi) con migliaia di uccelli, pesci e invertebrati, e poi le foreste, dalle foreste mediterranee fino ai boschi di conifere. Infine gli ambienti costieri, anche se ridotti in superficie, ospitano ancora migliaia di specie di pesci, intere colonie di uccelli marini e comunità di invertebrati acquatici.

I danni a questo patrimonio si registrano oggi a un ritmo crescente a livello regionale e globale, molte specie sono in forte declino o già estinte. Ad esempio, su un totale di circa 6.000 specie di piante vascolari quasi 1.000 sono considerate minacciate o in pericolo di estinzione, e su circa 60.000 specie di animali presenti nel nostro Paese, ben il 70% di quelle di vertebrati è minacciato o in pericolo (cioè ben 340 sulle 500 note). Dall'inizio del XVII secolo si sono estinte circa 600 specie, ma il dato più preoccupante è che l'umanità è testimone (e causa) di un'estinzione di massa, la più grande mai registrata dopo la scomparsa dei dinosauri: senza un impegno su vasta scala, la metà di tutte le specie esistenti potrebbe scomparire durante questo secolo. Le cause di questa semplificazione biologica sono tante, soffermandoci solo all'Italia, troviamo l'inquinamento, la riduzione degli ecosistemi forestali, la cementificazione, gli incendi boschivi, il bracconaggio. Questi sono solo alcuni dei nemici della biodiversità che il Corpo Forestale quotidianamente contrasta. Nel corso del 2005, nei soli territori dei Parchi Nazionali e delle aree protette - ecosistemi strategici per la conservazione in situ - i Forestali hanno compiuto 115.277 controlli che hanno portato all'accertamento di 2.659 illeciti amministrativi e 1107 penali.

"La biodiversità è come una biblioteca di volumi non rimpiazzabili, dove le parole sono le risorse genetiche" dichiara Fulco Pratesi, presidente WWF Italia "I libri sono le forme di vita che contengono i codici genetici e l'edificio che li contiene è l'ecosistema che tiene tutto insieme. Le attuali condizioni di vita che la società si è data stanno smantellando la biblioteca. Le oasi sono regno indiscusso di biodiversità e il WWF è arrivato a gestirne 130 sul territorio nazionale. Domenica 30 aprile vorremmo ribadire, proprio in occasione del nostro 40° anniversario, l'importanza di spazi incontaminati che abbiamo salvato in 40 anni di lavoro".

Con 57 milioni di abitanti e una densità di 189 persone per chilometro quadrato, l'Italia è uno dei paesi più antropizzati del continente europeo, è tra quelli che hanno subito, nel tempo, le più profonde trasformazioni del territorio. "Le minacce più severe alla biodiversità, ieri come oggi, vengono dagli incendi, dal bracconaggio e dall'inquinamento del suolo e delle acque" fa notare Cesare Patrone, Capo del Corpo forestale dello Stato "Per questo è fondamentale una costante azione di polizia correlata alla prevenzione e repressione dei reati ambientali che possono incidere significativamente sulla conservazione delle risorse naturali. In occasione della Giornata delle Oasi abbiamo aperto 40 delle 130 Riserve Naturali che il Corpo Forestale gestisce in tutto il Paese, ecosistemi fondamentali per conservare l'identità naturalistica nazionale nel contesto organico del sistema delle aree protette. Un patrimonio inestimabile, ma ancora poco conosciuto, che da oggi può contare su una rete di strutture dedicate: gli Uffici Territoriali per la Biodiversità, che si occuperanno della tutela, gestione, valorizzazione e comunicazione di questa risorsa unica".

"Un'altra novità dell'edizione di quest'anno è l'iniziativa Giovani pubblicitari, la biodiversità ha bisogno di idee, organizzata con le scuole in tutta Italia, patrocinata dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e Ricerca - ha dichiarato Michele Candotti, segretario generale del WWF Italia - nei mesi passati moltissime scuole si sono trasformate in laboratori di creatività. Oltre 10.000 ragazzi di tutte le età hanno proposto immagini, slogan, manifesti a caccia della miglior pubblicità a favore e in difesa della preziosa biodiversità. Premieremo i migliori lavori domenica 30 aprile presso uno dei Centri di educazione, a Villa Paolina, in Piemonte".
Questo progetto nelle scuole è stato sostenuto anche da alcuni testimonial di eccezione: Elisa, Gianfranco Zola, Paola Saluzzi, Marzio Honorato, a fianco dei ragazzi e nelle proprie scuole. Corpo forestale e WWF Italia hanno inoltre promosso un programma di informazione sulla biodiversità rivolto alle scuole italiane con l'edizione La natura in tasca, un manuale da campo, pieno di notizie utili da usare per appunti e disegni durante gite, escursioni alla scoperta della natura.

Altro compagno di viaggio nelle Oasi per tutto il 2006 sarà Animal Planet, il canale satellitare Discovery dedicato al mondo degli animali che parla ai bambini. Come partner dell'iniziativa, Animal Planet contribuirà concretamente alla tutela delle aree gestite dal WWF con l'obiettivo di supportare il valore della biodiversità e proporrà nelle Oasi attività di intrattenimento e animazioni a tema per i piu' piccoli. "WWF e Animal Planet. Naturalmente insieme: questo claim- racconta Claudio Scotto di Carlo, Direttore dei canali Discovery in Italia - racchiude lo spirito che ha portato alla nascita della partnership con WWF, realtà con cui condividiamo valori che vedono nei bambini l'interlocutore privilegiato cui trasmettere messaggi comuni".
Le Oasi del WWF e le Riserve Naturali del Corpo forestale, come tessere di un mosaico - in tutto 130 oasi e 140 riserve - formano un patrimonio di 133.000 ettari, visitati ogni anno da oltre 500.000 persone, rappresentativo degli ambienti floro-faunistici di tutto il territorio nazionale: dalle praterie alpine alle aree umide, dai canyon alle cascate, alle grotte, dai boschi di pianura alle foreste mediterranee, dalle faggete alle siepi.

Cosa accade il 30 aprile ?

Si conta quest'anno di poter arrivare a oltre 130.000 di visitatori nella sola giornata del 30 aprile e sarà l'occasione per scoprire paradisi di biodiversità dove vivono lontre, caprioli, lupi, orsi, fenicotteri; oltre alle visite guidate si potrà partecipare a giochi all'aperto, spettacoli, liberazioni di rapaci e tartarughe marine, mercatini che verranno organizzati per l'evento. Per conoscere l'oasi WWF più vicina si può visitare il sito www.wwf.it , oppure www.corpoforestale.it o CHIAMARE il NUMERO 06.844.971

La settimana oasi dal 26 al 29 aprile

Le classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado potranno visitare gratuitamente molte Oasi WWF e Riserve Naturali gestite dal Corpo forestale dello Stato, accompagnate da guide esperte che illustreranno l'ambiente naturale e proporranno giochi e attività, permettendo di conoscere e apprezzare il patrimonio inestimabile costituito dal sistema delle aree protette del WWF. Le visite vanno prenotate, fino ad esaurimento posti. Informazioni sul sito www.wwf.it/educazione e www.corpoforestale.it
Da quest'anno c'è un nuovo modo di sostenere il WWF Italia e il suo impegno per la tutela della biodiversità: manda un SMS, al costo di 1 euro IVA compresa, al tel. 48584, contribuirai a sostenere i nostri progetti.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook