UniversONline.it

Bocche idrotermali: la 'Città  Perduta' - Bocche idrotermali: la 'Città  Perduta' - Stanno diventando sempre più frequenti le prove che le bocche idrotermali non si trovino solamente

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Bocche idrotermali: la 'Città  Perduta'

Bocche idrotermali

Stanno diventando sempre più frequenti le prove che le bocche idrotermali non si trovino solamente lungo le dorsali oceaniche, ma anche nelle antiche regioni di crosta oceanica lontane dalle zone centrali d'accrescimento. In questo articolo riportiamo la scoperta di un campo idrotermale piuttosto esteso, situato a 30 gradi nord presso l'intersezione orientale della dorsale Medio-Atlantica e la zona della frattura atlantica, battezzato con il nome di "Città  Perduta". L'area è piuttosto diversa dalle altre di questo tipo finora conosciute, in quanto localizzata su una crosta vecchia un milione e mezzo di anni, a circa 15 chilometri dalla zona di accrescimento della crosta, su un massiccio a forma di cupola e sovrastata da un ripido camino di carbonato, anzichè dalle strutture sulfuree tipiche dei campi idrotermali dei "camini neri".

"Abbiamo rilevato che i fluidi delle bocche sono relativamente freddi, tra i 40 e i 75 °C, e alcalini, con acidità  compresa tra 9 e 9,8; essi inoltre ospitano dense comunità  di microbi, tra cui dei termofilici anaerobi. Dal momento che le caratteristiche geologiche dei massicci atlantici sono simili in numerose aree della crosta vecchia delle dorsali del Medio-Atlantico, dell'Indiano e dell'Artico, questi rilevamenti indicano che l'attività  idrotermale e la vita microbica possono essere supportate da una superficie della crosta oceanica più ampia di quanto in precedenza si pensasse.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook