UniversONline.it

Alle origini... - Alle origini... - Recenti studi dimostrano che l'età  del nostro pianeta è superiore a quello che si sapeva fino ad

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Alle origini...

Alle origini

Recenti studi dimostrano che l'età  del nostro pianeta è superiore a quello che si sapeva fino ad oggi. In Australia è stato trovato un zircone di ben 4,4 miliardi di anni, e fa capire che gli oceani sono presenti sul nostro pianeta da molto più tempo di quello che si supponeva. L'antica pietra proviene esattamente dall'Australia dell'Ovest ed è il minerale più antico mai ritrovato sulla Terra fino ad oggi. Questo cristallo ha le dimensioni di un capello umano, e la sua età  di 4,4 miliardi di anni risulta essere posteriore alla formazione della Terra di soli 150 milioni di anni. La scoperta ha di rivoluzionario il fatto che rinnova le teorie sull'inizio della vita sulla Terra e della formazione della Luna. Infatti 4,4 miliardi di anni fa si pensava che non esistessero ancora formazioni oceaniche sulla Terra, questa scoperta potrebbe dimostrare il contrario, e che di fatto la temperatura del nostro pianeta non fosse cosଠalta come si crede. Studiando il cristallo si è potuto capire che c'era una quantità  di ossigeno ideale per la formazione di cristalli, inoltre la temperatura non era troppo elevata, permettendo all'acqua di condensarsi. Le teorie sulla formazione della Luna sostengono che 4,5 miliardi di anni fa un pianeta delle dimensioni di Marte colpଠla Terra e i frammenti di questo impatto avrebbero formato il nostro satellite. L'impatto avrebbe creato un enorme oceano di magma che è rimasto incandescente per centinaia di anni. Naturalmente se i calcoli sono esatti questo impatto non ci sarebbe stato, in quanto il cristallo è datato 4,4 miliardi di anni e allora c'erano già  oceani sulla Terra. Gli scienziati però non demoliscono la teoria dell'impatto, e dicono che la Terra dopo il disastroso evento si sarebbe potuta raffreddare in tempi inferiori.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook