UniversONline.it

Molecola antitumorale per bloccare le neoplasie - Quando si cura un tumore c'è sempre il rischio che delle cellule neoplastiche formino dei tumori secondari in altre parti del corpo, una particolare molecola...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Molecola antitumorale per bloccare le neoplasie

Molecola antitumorale per bloccare le neoplasie

Quando si cura un tumore c'è sempre il rischio che delle cellule neoplastiche formino dei tumori secondari in altre parti del corpo, una particolare molecola antitumorale sembra però poter bloccare una proteina (Telomeric Repeat binding Factor 2 - TRF2) che gioca un ruolo importante nel processo di trasformazione neoplastica. Un gruppo di ricercatori dell'Istituto Regina Elena (Ire) di Roma ha sintetizzato in laboratorio un peptide in grado di interrompere i segnali cellulari ad attività tumorale di TRF2. I risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of American Chemical Society (Shading the TRF2 Recruiting Function: A New Horizon in Drug Development - DOI: 10 1021 / ja5080773 - Novembre 2014).

Annamaria Biroccio, coordinatrice dello studio, spiega che bloccando la proteina TRF2 si interrompono i segnali cellulari delle sue attività tumorali. La TRF2 è una proteina strutturale, delle regioni terminali dei cromosomi (telomeri), che gioca un ruolo importante nel processo di trasformazione neoplastica. Sebbene alcune cellule neoplastiche rimangono localizzate nell'area del tumore primario, in particolari situazioni queste migrare attraverso i tessuti e, trasportare dalla circolazione sanguigna, riescono a formare tumori secondari sparsi in diversi organi (le metastasi).

Pasquale Zizza, primo autore dello studio, spiega che questo importante risultato è stato raggiunto grazie alle moderne tecniche di Rational Design e l'utilizzo di modelli bioinformatica. Osservando la proteina TRF2, attraverso il suo dominio TRFH, è stato disegnato e sintetizzato un peptide che, legandosi con alta affinità al dominio TRFH di TRF2, inibisce i segnali coinvolti nel processo di tumorigenesi.

Il prossimo passo sarà quello di testare la nuova molecola, identificata con la sigla Apo41d, sugli animali. Se i risultati saranno soddisfacenti si potranno mettere a punto dei farmaci particolarmente utili in quei tumori dove c'è un alto livello della proteina TRF2 come ad esempio quelli del colon.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook