UniversONline.it

Urinare spesso (vescica iperattiva) - Se si ha lo stimolo ad urinare spesso (minzione frequente) la causa potrebbe risiedere nell'eccessiva presenza di particolari batteri nelle urine

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Urinare spesso (vescica iperattiva)

Urinare spesso (vescica iperattiva)

Se si ha lo stimolo ad urinare spesso (minzione frequente) la causa potrebbe risiedere nell'eccessiva presenza di particolari batteri nelle urine. Anche se molte persone pensano che le urine siano sterili, nella vescica sono presenti diversi batteri. Un gruppo di ricercatori della Loyola University di Chicago ha scoperto che i batteri presenti nella vesciche di donne in salute sono differenti da quelli presenti nelle vesciche delle donne affette da vescica iperattiva (OAB), una sindrome clinica caratterizzata da un aumento della frequenza minzionale (in pratica si è portati a urinare spesso, a volte con un desiderio urgente e improvviso). I risultati dello studio sono stati presentati in occasione del 114mo meeting generale dell'American Society for Microbiology di Boston (Maggio 2014).

Fino a qualche anno fa si pensava che l'urina fosse "sterile", grazie ai progressi fatti nell'analisi delle urine si è però scoperta la presenza di batteri nelle urine. I nuovi esami, basati sul DNA, permetto di ottenere ulteriori dati che non si possono rilevare con le tecniche di coltura standard. Sfruttando queste nuove tecniche, ed in particolare l'urino-coltura quantitativa ampliata (EQUC), i ricercatori della Loyola University hanno analizzato i campioni di urina di 90 donne con e senza vescica iperattiva (OAB).

Evann Hilt, coordinatore dello studio, spiega che la presenza di determinati batteri nelle donne con OAB è stata messa in relazione ai sintomi della patologia. Ora serviranno ulteriori ricerche per capire se questi batteri possono avere un ruolo nella comparsa della patologia. I ricercatori evidenziano che se si stabilisce che alcuni batteri causano i sintomi di OAB, si potrebbero mettere a punto delle terapie più efficaci per curare meglio i soggetti con vescica iperattiva.

Vescica iperattiva: informazioni

La vescica iperattiva è un problema molto frequente nei Paesi sviluppati con un'incidenza maggiore nelle donne. Chi presenta questa sindrome clinica è portato a urinare spesso con un impulso che può essere difficile da reprimere. In alcuni casi la vescica iperattiva può condurre alla perdita involontaria di urina (incontinenza). La caratteristica di questa patologia è la contrazione spastica ed incontrollata del muscolo liscio che circonda la vescica (muscolo detrusore). Molti convivono col disturbo senza parlarne con nessuno, ci si può giustamente sentire in imbarazzo, isolarsi, o limitare il lavoro e la vita sociale.

Stimolo a urinare spesso: altre cause

Se si sente la necessita di urinare spesso non sempre la causa è una vescica iperattiva. Spesso la minzione frequente non è sintomo di un problema, la quantità di urina emessa ogni giorno oscilla tra 1 e 1 litro e mezzo. Se si beve molta acqua, o si bevono altre bevande e si mangiano alimenti ricchi di "acqua" come frutta e verdura, si urina più del solito. Bisogna poi ricordarsi che quando si bevono alcolici si urina di più. Oltre alla vescica iperattiva ci sono comunque altre condizioni cliniche che possono portare a una minzione frequente, le altre cause più comuni sono: cistite, diabete (l'organismo tenta di espellere il glucosio inutilizzato mediante minzione), gravidanza ( l'utero che cresce esercita pressione sulla vescica causando minzione frequente), disturbi della prostata, assunzione di farmaci con effetti diuretici (presentano questo effetto collaterale diversi farmaci come ad esempio quelli utilizzati per trattare l'ipertensione), ecc..

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Articoli di medicina e salute correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook