UniversONline.it

Cause dell'autismo: la malattia insorge durante la gravidanza - Alcuni difetti nelle prime fasi dello sviluppo della corteccia cerebrale potrebbero essere alla base dell'autismo

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Cause dell'autismo: la malattia insorge durante la gravidanza

Cause dell'autismo

Alcuni difetti nelle prime fasi dello sviluppo della corteccia cerebrale potrebbero essere alla base dell'autismo. Anche se non ci sono dei fondamenti scientifici, molte persone sono convinte che i vaccini siano fra le cause dell'autismo, un nuovo studio indica però, portando delle prove scientifiche, un'origine diversa. Un gruppo di ricercatori dell'Università della California ha scoperto che l'autismo inizia a svilupparsi già nel grembo materno. Lo studio è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine (Patches of Disorganization in the Neocortex of Children with Autism - DOI: 10.1056 / NEJMoa1307491 - Marzo 2014).

Eric Courchesne, coordinatore dello studio, spiega che grazie ai dati raccolti si è riusciti a creare il primo modello tridimensionale che permette di localizzare le aree del cervello autistico in cui vi sono frammenti di corteccia non sviluppati secondo il normale schema in cui si organizza la corteccia. L'esperto evidenzia che lo sviluppo del cervello di un bambino durante la gravidanza prevede la formazione di una corteccia con sei strati, alcuni di questi potrebbero però svilupparsi in maniera anomala. Ciascuno strato cellulare si differenzia dagli altri assumendo un'identità genetica precisa che resta immutata fin dopo la nascita e che quindi si può riconoscere facilmente analizzando una serie di geni specifici. La corteccia cerebrale umana ha un ruolo centrale in meccanismi o funzioni mentali cognitive complesse quali: pensiero, coscienza, memoria, concentrazione, linguaggio, ecc..

Per ottenere le nuove informazioni i ricercatori hanno analizzato, post-mortem, i tessuti cerebrali di 22 bambini deceduti in un'età compresa tra i 2 e i 15 anni. 11 bambini erano sani mentre l'altra metà aveva una diagnosi di autismo. Per analizzare eventuali differenze nello sviluppo cerebrale dei due gruppi, gli scienziati hanno utilizzato dei marcatori in grado di identificare specifiche popolazioni neuronali nel cervello, tali marcatori erano inoltre utili per mettere in evidenza le stratificazioni caratteristiche della corteccia.

Confrontando l'identità genetica dei neuroni della corteccia di cervelli di bimbi sani e autistici sono emerse grosse differenze. Nei soggetti autistici, ben 10 cervelli su 11 presentavano un'architettura cerebrale anomala, nel gruppo dei soggetti sani sono state riscontrate delle anomalie solo nel 10 per cento dei casi. Le anomalie osservate tendevano a localizzarsi per lo più in regioni del cervello già note per avere un ruolo nell'autismo: il lobo temporale e la corteccia prefrontale, aree del cervello coinvolte nella comunicazione, nel linguaggio e nella cognizione.

Dai risultati di questo studio, considerando che l'organizzazione cerebrale ha luogo durante lo sviluppo fetale, si può concludere che i primi segni correlabili all'autismo si manifestano già nel grembo materno. Per ora le cause dell'autismo non sono ancora chiare. Una delle ipotesi è che ci sia una componente genetica e una ambientale, prese singolarmente non comporterebbero nessun rischio ma un eventuale predisposizione genetica in concomitanza a un determinato fattore ambientale potrebbero contribuire allo sviluppo dell'autismo.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook