UniversONline.it

Gravidanza: analisi del sangue in alternativa all'amniocentesi - Già da diversi anni si sente parlare di analisi del sangue in alternativa all'amniocentesi, un esame prenatale facoltativo che generalmente si suggerisce dopo...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Gravidanza: analisi del sangue in alternativa all'amniocentesi

analisi del sangue in alternativa all'amniocentesi

Già da diversi anni si sente parlare di analisi del sangue in alternativa all'amniocentesi, un esame prenatale facoltativo che generalmente si suggerisce dopo i 35 anni. Attualmente si può già ricorrere all'analisi del sangue per individuare eventuali alterazioni nel patrimonio genetico, per ora ci sono però due grossi limiti: un'affidabilità troppo bassa secondo la comunità scientifica e un costo decisamente elevato (intorno ai 1000 euro contro i 500-700 dell'amniocentesi, quest'ultimo per le donne over 35 è gratuito se effettuato in un centro pubblico). Grazie a un accordo firmato tra la casa farmaceutica Menarini e la Sign di Singapore (Singapore Immunology Network), nel 2016 si potrebbe avere una valida alternativa all'amniocentesi ad un costo contenuto e con un'affidabilità uguale, se non addirittura superiore, a quella dell'attuale esame.

Domenico Simone, direttore generale del Gruppo Menarini, spiega che l'obiettivo iniziale sarà quello di mettere a punto un biomarker che individui le cellule fetali nel sangue per diagnosticare la presenza di malattie genetiche del feto. Per raggiungere l'obiettivo i ricercatori si avvarranno della DEPArray - Silicon BioSystems, un sistema brevettato da Gianni Medoro e Nicolò Manaresi. La macchina che sfrutta il brevetto DEPArray, già presente in trenta centri di tutto il mondo, permette di rilevare e isolare rare cellule circolanti nel sangue correlate a diverse malattie. A Singapore il gruppo Menarini può inoltre contare su un altro nome italiano, l'immunologa Paola Castagnoli (responsabile del Sign dal 2008).

Gli esperti, nel giro di sei sette mesi, contano di individuare il biomarcatore specifico per questo tipo di analisi per passare successivamente alla fase clinica valutando la tecnologia in parallelo con le amniocentesi in almeno 1500 test. I ricercatori sono molto fiduciosi e si auspicano che tra due anni questa nuova analisi potrà essere di routine.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook