UniversONline.it

Alzheimer e grassi nel sangue - Livelli elevati di particolari grassi (le ceramėdi) nel sangue possono incrementare il rischio di sviluppare l'Alzheimer

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Alzheimer e grassi nel sangue

Alzheimer e grassi nel sangue

Livelli elevati di particolari grassi (le ceramėdi) nel sangue possono incrementare il rischio di sviluppare l'Alzheimer. Secondo quanto scoperto da un gruppo di ricercatori della Mayo Clinic di Rochester (Minnesota), la presenza nel sangue di particolari lipidi (detti anche grassi, dal greco lypos, grasso) e Il morbo di Alzheimer potrebbero essere correlati. La dottoressa Michelle M. Mielke, coordinatrice dello studio, spiega che le ceramėdi (una famiglia di molecole lipidiche) potrebbero essere dei biomarcatori predittivi molto importanti per la lotta all'Alzheimer. Lo studio č stato pubblicato su Neurology (Serum ceramides increase the risk of Alzheimer disease: The Women's Health and Aging Study II - Neurology WNL.0b013e318264e380 - Luglio 2012).

I ricercatori hanno coinvolto in uno studio 99 donne, con un'etā compresa tra i 70 e i 79 anni, che non presentavano alcun sintomo di demenza all'inizio dell'osservazione. Le partecipanti facevano parte di uno studio pių ampio: il Women's Health and Aging Study. Nel corso dei 9 anni le 99 donne sono state sottoposte ad una serie di esami tra i quali le analisi del sangue utili per rilevare i livelli di ceramėdi.

Per valutare i dati raccolti le partecipanti sono state divise in tre gruppi a secondi dei livelli (alti, medi e bassi) di ceramėdi nel sangue. Delle 99 partecipanti ben 27 hanno sviluppato una forma di demenza, tra queste 18 hanno ricevuto una diagnosi di probabile Alzheimer. Dall'analisi č emerso che le donne con i livelli pių alti di ceramėdi avevano una probabilitā 10 volte maggiore di sviluppare l'Alzheimer rispetto alle donne con i livelli pių bassi. Quelle che invece avevano dei valori medi avevano una probabilitā superiore di 7,6 volte di sviluppare la malattia rispetto a quelle che presentavano i valori pių bassi.

Gli esperti spiegano che sono stati scoperti diversi biomarcatori che possono segnalare la presenza o la progressione dell'Alzheimer, i ceramėdi sierici perō, a differenza di altri marker, non necessitano di esami complessi ma possono essere rilevati con un semplice esame del sangue. Nel corso dell'indagine č stato inoltre osservato che il colesterolo totale, la quantitā di lipoproteine ad alta densitā e i trigliceridi non sono associati all'insorgenza della patologia neurodegenerativa.

Anche se i risultati ottenuti in questa ricerca sono molto importanti per la lotta all'Alzheimer in quanto si č scoperto un probabile biomarcatore preciso dell'inizio della patologia neurodegenerativa, sarā necessario uno studio pių ampio per comprendere meglio che legame c'č tra le ceramėdi e l'Alzheimer. Alti livello di grasso da soli potrebbero non essere sufficienti per determinare se una persona sviluppare il morbo di Alzheimer.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook