UniversONline.it

Farmaci: antibiotici bambini - I bambini, dopo gli anziani, nel nostro paese sono fra i maggiori utilizzatori di medicinali. L'elenco dei farmaci utilizzati dai bambini è lungo ma si...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Farmaci: antibiotici bambini

Farmaci: antibiotici bambini

I bambini, dopo gli anziani, nel nostro paese sono fra i maggiori utilizzatori di medicinali. L'elenco dei farmaci utilizzati dai bambini è lungo ma si possono individuare fondamentalmente due classi di medicinali: antibiotici e antiasmatici. Stando ai risultai del rapporto OsMed 2010, redatto dall'Istituto Superiore di Sanità (ISS) in collaborazione con l'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), otto bambini su dieci ricevono nel corso dell'anno almeno una prescrizione di farmaci (prevalentemente antiasmatici e antibiotici).

Nel complesso la spesa farmaceutica nazionale, pubblica e privata, è rimasta abbastanza stabile rispetto all'anno precedente (-0,1 per cento), è però aumentata quella a carico del Servizio Sanitario Nazionale (+ 0,4 per cento).

Quando si assumono dei farmaci è bene seguire scrupolosamente le indicazioni del medico, in particolar modo nel caso di antibiotici. Un uso scorretto di questa classe di farmaci potrebbe trasformarsi in un costo inutile per il Servizio Sanitario Nazionale oltre che danneggiare l'efficacia del farmaco stesso. Di seguito riportiamo alcuni consigli, rivolti ai genitori, per un uso più consapevole degli antibiotici nei bambini.

Un uso indiscriminato di antibiotici conduce allo sviluppo del fenomeno dell'antibioticoresistenza. In pratica ogni qualvolta si utilizza un farmaco antibiotico può accadere che si selezionino dei batteri resistenti al farmaco stesso. La conseguenza è che aumenti la probabilità di una ricaduta dell'infezione nel bambino più difficile da trattare perché i batteri sono diventati resistenti agli effetti dell'antibiotico.

Antibiotici e bambini: 5 consigli per un utilizzo corretto

  1. Prima di somministrare qualsiasi farmaco bisogna sempre rivolgersi al pediatra.

  2. Gli antibiotici non vanno utilizzati in caso di raffreddore o influenza.

  3. La presenza di muco giallo o verde nelle secrezioni nasali non significa che è in corso un'infezione batterica, l'antibiotico non va quindi somministrato se prima non si è sentito il parere del pediatra.

  4. Una volta iniziata la terapia antibiotica, anche se in apparenza i sintomi sono passati, è importante somministrare tutte le dosi giornaliere per il periodo di tempo indicato dal pediatra.

  5. Una volta terminata la terapia bisogna gettare gli antibiotici già aperti.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Articoli di medicina e salute correlati

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook