UniversONline.it

Un chip riporta la glicemia a valori normali - Quando si ha il diabete bisogne tenere sotto controllo i valori glicemici, attualmente quest'operazione Ŕ abbastanza invasiva ma in futuro si potrÓ usare un...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Un chip riporta la glicemia a valori normali

Chip per la glicemia

Quando si ha il diabete bisogne tenere sotto controllo i valori glicemici, attualmente quest'operazione Ŕ abbastanza invasiva ma in futuro si potrÓ usare un chip per riportare la glicemia a valori normali. Un microchip sotto pelle, in grado di monitorare la glicemia nei pazienti diabetici, attraverso una tecnologia wireless invia le informazioni sui valori glicemici a un dispositivo che valuta il giusto dosaggio di insulina da iniettare nell'organismo.

Questo nuovo dispositivo, dalle dimensioni molto pi¨ contenute rispetto ad altri prototipi realizzati fino ad ora, Ŕ il frutto di una ricerca, coordinata dal professor David Gough, dell'UniversitÓ della California (San Diego, USA) e della GlySens Incorporated. I risultati dei primi test, condotti su un gruppo di animali, sono stati pubblicati sulle pagine del Science Translational Medicine (Function of an Implanted Tissue Glucose Sensor for More than 1 Year in Animals, Luglio 2010).

Nei pazienti colpiti da diabete di tipo 1, noto anche come diabete giovanile, il sistema immunitario impazzisce e attacca una parte del pancreas distruggendo le isole di Langherans, un'area preposta alla produzione dell'insulina. Senza pi¨ possibilitÓ di produrre insulina, i diabetici devono continuamente monitorare la propria glicemia manualmente e altrettanto manualmente autoiniettarsi insulina ogni volta che la loro glicemia sale.

GiÓ in passato altri ricercatori hanno lavorato alla realizzazione di un pancreas artificiale, alcuni studi sono attualmente in una fase avanzata di sperimentazione. Presso l'UniversitÓ di Cambridge (Gran Bretagna) un prototipo Ŕ stato testato su un gruppo di bambini e adolescenti (Febbraio 2010). Il nuovo dispositivo messo a punto dai ricercatori californiani, rispetto agli altri prototipi, presenta delle dimensioni molto pi¨ contenute, un aspetto non di poco conto se si considera che quest'apparecchiatura deve essere trasportato agevolmente dal paziente.

Il nuovo dispositivo, impiantato sottocute in alcuni maiali, Ŕ stato in grado di misurare per oltre cinquecento giorni i valori della glicemia. L'apparecchio Ŕ inoltre in grado di evitare eventuali falsi allarmi in quanto corregge automaticamente eventuali variazioni della glicemia dovute all'esercizio fisico e a cambiamenti del flusso sanguigno.

David Gough spiega che la registrazione dei livelli di glucosio nelle cavie si Ŕ rivelata un successo, negli animali non si Ŕ riscontrata nessuna reazione avversa. L'esperto spera ora di riuscire ad iniziare i trial clinici sull'uomo, per studiare il funzionamento del dispositivo anche nei pazienti diabetici, entro pochi mesi.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook