UniversONline.it

Prezzi dei medicinali, come risparmiare sui farmaci - I medicinali spesso incidono in maniera significativa nel budget di una famiglia, i prezzi sono a volte abbastanza elevati ma nel caso di una malattia è una...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Prezzi dei medicinali, come risparmiare sui farmaci

Prezzi dei medicinali: come risparmiare sui farmaci

I medicinali spesso incidono in maniera significativa nel budget di una famiglia, i prezzi sono a volte abbastanza elevati ma nel caso di una malattia è una spesa che non può essere evitata. Non tutti però sanno che sul mercato sono presenti numerosi farmaci generici, oggi noti come equivalenti, che hanno le stesse caratteristiche dei medicinali di marca (Aulin, Lasonil, Moment, Tachipirina, ecc.) ma con dei prezzi più contenuti. All'inizio i medicinali equivalenti venivano definiti "farmaci generici", questo però portava ad una cattiva interpretazione del termine "generico" al quale veniva data una connotazione negativa (di minor qualità ed efficacia).

I farmaci equivalenti non vanno considerati come dei medicinali di serie b, sono dei farmaci in tutto e per tutto equivalenti dal punto di vista qualitativo e quantitativo al farmaco di marca. L'unica differenza è che costano di meno e hanno un nome diverso (di solito quello del principio attivo).

Perché i farmaci equivalenti costano di meno? Nel momento in cui un farmaco viene commercializzato per la prima volta è coperto da brevetto, passati un certo numero di anni il brevetto scade e a quel punto può essere prodotto e commercializzato anche da altre aziende autorizzate che lo immetteranno sul mercato con un nome chimico generico. Il risparmio dato dall'acquisto dei farmaci equivalenti può andare dal 20 al 50 percento rispetto ai farmaci di marca corrispondenti.

Sino a qualche tempo fa il farmacista poteva sostituire un farmaco di marca con un medicinale equivalente solo se espressamente prescritto con ricetta del Servizio Sanitario Nazionale. Attualmente, invece, i farmacisti sono tenuti ad informare i clienti dell'eventuale esistenza di un prodotto equivalente corrispondente in tutto e per tutto al prodotto di marca, ma di prezzo inferiore, anche nel caso di ricetta a pagamento. Nel caso in cui il medico non ha indicato espressamente il divieto di sostituzione del medicinale il cliente può richiedere al farmacista il farmaco equivalente a prezzo inferiore e il farmacista è tenuto a consegnarlo. Va inoltre ricordato che i medicinali equivalenti vengono rimborsati con gli stessi criteri dei medicinali di marca.

Il Ministero della Salute ha stabilito che i farmaci equivalenti, confrontati con le specialità medicinali di riferimento, devono avere le seguenti caratteristiche:

  • non devono essere coperti da brevetto
  • devono avere lo stesso principio attivo (sostanza responsabile del loro effetto farmacologico)
  • devono avere la stessa forma farmaceutica di somministrazione (ad esempio compresse o fiale) uguale modalità di rilascio, ecc.
  • devono avere le stesse indicazioni terapeutiche, di conseguenza hanno anche le stesse controindicazioni dei farmaci brevettati
  • la produzione dei farmaci equivalenti deve essere sottoposta agli stessi controlli e procedure di registrazione e vigilanza che il Ministero della Salute riserva a tutte le specialità in commercio

Per renderci conto del risparmio che si può avere acquistando i farmaci equivalenti riportiamo alcuni esempi: il farmaco generico Nimesulide costa 2,62 euro contro i 4,43 euro dell'equivalente Aulin, il Ketoprofene ha un prezzo di 5 euro contro i 7,70 euro del corrispettivo Lasonil, la Tachipirna ha un costo di 0,40 euro al grammo contro i 0,23 euro del farmaco equivalente Sanipirina della Bayer, ecc. (i prezzi potrebbero variare, questi sono quelli relativi al periodo di pubblicazione dell'articolo).

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook