UniversONline.it

Depressione, cura con incenso previene l'ansia - L'incenso potrebbe essere importante nella cura dell'ansia e, di conseguenza, nel prevenire possibili stati di depressione

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Depressione, cura con incenso previene l'ansia

Depressione: cura con incenso previene l'ansia

L'incenso potrebbe essere importante nella cura dell'ansia e, di conseguenza, nel prevenire possibili stati di depressione. Questa la conclusione di uno studio multicentrico condotto da alcuni ricercatori della Josh Hopkins University di Baltimora e della Hebrew University di Gerusalemme. In base ai dati ottenuti fino ad ora, pubblicati sulla rivista The FASEB Journal (The Federation of American Societies for Experimental Biology - Giugno 2008), una particolare sostanza rilasciata dall'incenso ardente è in grado di allevia l'ansia e la depressione.

La sostanza utile per la cura dell'ansia è il franchincenso, un elemento dell'incenso costituito dalla resina della Boswellia, una pianta medicinale molto comune in Etiopia, in Egitto e nello Yemen. Secondo i ricercatori, l'incenso agisce su particolari aree del cervello coinvolte nelle emozioni riuscendo ad alleviare la depressione e gli stati d'ansia.

In una fase della sperimentazione, i ricercatori hanno iniettato in alcuni topolini una particolare molecola presente nel franchincenso, l'incensolo acetato. Dopo la somministrazione dell'incensolo acetato si è potuto osservare un fatto interessante, la molecola incrementava la produzione della proteina Trpv3, una proteina presente naturalmente nel cervello dei mammiferi.

Arieh Moussaieff, coordinatore dello studio condotto presso la Hebrew University di Gerusalemme, spiega che i risultati ottenuti indicherebbero l'incensole acetato, e i suoi derivati, come potenziale alternativa al trattamento farmacologico tradizionale nella cura della depressione e degli stati d'ansia.

Attualmente i ricercatori non sono a conoscenza dell'esatto ruolo della proteina Trpv3, alcuni studiosi ritengono possa essere coinvolta nella capacità di percepire il calore e, secondo l'attuale ricerca, potrebbe essere anche responsabile del controllo dell'ansia e della depressione.

Per quanto riguarda l'uso della molecola dell'incensolo acetato nella cura della depressione e dell'ansia bisognerà attendere i risultati di ulteriori ricerche che dimostrino l'efficacia anche sull'uomo. Per il momento possiamo continuare ad usarlo in modo tradizionale (bruciandolo), anche così favorisce il rilassamento e di conseguenza aiuta ad attenuare gli stati d'ansia.

Sebbene nella "medicina alternativa" la resina della Boswellia (pianta dell'incenso) si è dimostrata efficace come antinfiammatorio, antireumatico (inibisce la 5 lipoossigenasi che stimola la produzione di leucotrieni), riduce il dolore ed il gonfiore articolare ed aiuta a ristabilire una buona funzionalità articolare, è bene ricordare che, per evitare spiacevoli effetti collaterali, è importante rivolgersi ad un omeopata autorizzato. Particolare cautela bisogna avere anche nel periodo della gravidanza, considerato che l'olio di incenso è emmenagogo (una sostanza che aumenta il flusso mestruale), è preferibile non farne uso soprattutto nei primi 3 mesi di gravidanza.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook