UniversONline.it

Diabete di tipo 2, nuovi farmaci derivati da una rana - Una nuova cura per il diabete di tipo 2 potrebbe arrivare da un composto, sintetizzato in laboratorio, realizzato partendo da una sostanza secreta dalla cute...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Diabete di tipo 2, nuovi farmaci derivati da una rana

Diabete: farmaci derivati da una rana

Una nuova cura per il diabete di tipo 2 potrebbe arrivare da un composto, sintetizzato in laboratorio, realizzato partendo da una sostanza secreta dalla cute di una particolare rana sudamericana. La sostanza, denominata pseudin-2, sembra riesca a stimolare la produzione di insulina. Lo studio sul nuovo ipotetico farmaco lo stanno conducendo due gruppi di ricercatori dell'Università britannica dell'Ulster e dell'Università degli Emirati Arabi Uniti.

I progressi fatti sullo studio sono stati presentati in occasione della conferenza annuale del Diabetes Uk (Marzo 2008). La ricerca è iniziata però diversi anni fa, i primi dettagli sulla pseudin-2 furono pubblicati nel 2001 sulla rivista Biochemical and Biophysical Research Communications.

Inizialmente i ricercatori hanno condotto diversi esperimenti utilizzando il composto isolato dalla rana, una particolare sostanza in grado di stimolare la secrezione d'insulina nelle cellule pancreatiche. Solo successivamente si è realizzo il composto artificiale, pseudin-2, non tossico per le cellule e con un'efficacia maggiore rispetto alla versione naturale.

La pseudis paradoxa (rana paradossale) è la rana che ha permesso quest'interessante scoperta. Il nome deriva dal fatto che i girini crescono fino a 25 cm di lunghezza, quattro volte più grandi degli adulti che arrivano al massimo ad una grandezza di 4 - 6 cm. Per questa caratteristica è nota anche come Rana che si restringe.

Yasser Abdel-Wahab, uno dei coordinatori dello studio, spiega che non è la prima volta che molecole bioattive provenienti dalla pelle degli anfibi attirano l'attenzione della medicina. Per esempio grazie al Mostro di Gila (Heloderma suspectum), una particolare lucertola, è stato realizzato l'exenatide, un farmaco non orale per il trattamento del diabete di tipo 2 che si è dimostrato in grado di far perdere peso e di migliorare la funzionalità delle beta cellule del pancreas.

Sicuramente la versione sintetica della pseudin-2 richiederà ulteriori studi, ma i risultati ottenuti fino ad ora fanno ben sperare per la realizzazione di un nuovo farmaco "anti diabete".

Condividi questa pagina

Invia pagina

Approfondimenti sull'argomento

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook