UniversONline.it

Emicrania con aura e maggiori rischi cardiovascolari nelle donne - L'emicrania con aurea sembra essere associata ad un aumento del rischio di infarto miocardico ed ictus nelle donne, una relazione non riscontrata...

Continua
Universonline su Facebook
Universonline su G+

Emicrania con aura e maggiori rischi cardiovascolari nelle donne

Emicrania con aura: maggiori rischi cardiovascolari

L'emicrania con aurea sembra essere associata ad un aumento del rischio di infarto miocardico ed ictus nelle donne, una relazione non riscontrata nell'emicrania senza aura. I dati, relativi allo studio che ha analizzato la correlazione tra emicrania e rischio cardiovascolare nella popolazione femminile, sono stati pubblicati sul Journal of the American Medical Association (JAMA).

Già in passato alcuni ricercatori avevano messo in relazione una frequenza maggiore di ictus di tipo ischemico con l'emicrania con aurea, non vi erano però degli studi specifici che ne confermassero il legame dal punto di vista scientifico. Attraverso uno studio di coorte coordinato dai ricercatori del Brigham and Women's Hospital di Boston si sono ottenuti i primi dati con valenza scientifica che analizzano la relazione tra emicrania con aura, emicrania senza aura ed il rischio di malattia cardiovascolare.

Cosa è uno studio di coorte ? E' uno studio molto valido condotto su un gruppo di persone identificate chiaramente in base a determinate caratteristiche. Uno studio di coorte è uno studio osservazionale, cioè non sperimentale che segue nel tempo l'evoluzione di una coorte.

Lo studio di coorte ha preso in esame quasi 28 mila donne di età uguale o superiore ai 45 anni che stavano partecipando al Women's Health Study, uno studio più ampio che aveva l'obiettivo di valutare rischi e benefici della vitamina E e dell'aspirina a basso dosaggio nella prevenzione primaria della malattia cardiovascolare (cardiovascular disease-CVD) e dei tumori. Le donne esaminate durante lo studio non presentavano malattia cardiovascolare o angina al momento dell'ingresso nello studio ( 1992-1995 ), il periodo di follow-up è stato di 10 anni.

I ricercatori si sono concentrati su diversi punti, l'end point principale era rappresentato da malattia cardiovascolare maggiore, mentre l'end-point secondario consisteva in ictus ischemico, infarto miocardico, rivascolarizzazione coronarica, angina e morte dovuta a malattie cardiovascolari di natura ischemica.

Del totale delle partecipanti, 5125 (il 18,4 per cento) hanno riportato una storia di emicrania di cui 1.434 presentava emicrania con aura mentre il rimanente soffriva di emicrania attiva (senza aura). Nell'arco di 10 anni, ci sono stati 580 eventi cardiovascolari maggiori (CVD), 251 ictus ischemici, 249 infarti del miocardio e 130 decessi per fatti ischemici di tipo cardiovascolare. Le donne con emicrania con aura hanno presentato un aumento, superiore al doppio, del rischio di malattia cardiovascolare.

Cosa è l'emicrania con aura ?

L'emicrania con aura è come l'emicrania ma è accompagnata, più spesso preceduta da disturbi che di solito sono visivi (strani scintillii chiamati scotomi), in altri casi si può riscontrare un'alterazione della sensibilità cutanea (insoliti formicoli a carico dell'emivolto e dell'arto superiore dello stesso lato del dolore), tali stintomi perdurano per circa 15-20 minuti.

Condividi questa pagina

Invia pagina

Ti potrebbe interessare anche:

Articoli di medicina e salute correlati

Cerca nel sito

Se non hai trovato quello che ti serve, o vuoi maggiori informazioni, utilizza il motore di ricerca

Annunci

Seguici sui Social Network

Universonline su G+
Universonline su Facebook